Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Quando partirà per Mercurio nel 2018, la missione BepiColombo si troverà ad affrontare un grosso problema

Quando partirà per Mercurio nel 2018, la missione BepiColombo si troverà ad affrontare un grosso problema

È alta la tensione per i team dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e della JAXA (Agenzia aerospaziale giapponese) che guidano la missione BepiColombo verso Mercurio, il pianeta meno esplorato del nostro sistema solare. La nave, infatti, si trova ad affrontare un problema che non consente più ai suoi sistemi di propulsione di fornire il 100% della sua potenza.

BepiColombo è però entrato in una fase cruciale del suo viaggio che lo dovrà portare a compiere l’ultima assistenza gravitazionale prima di potersi inserire nell’orbita di Mercurio al termine di un viaggio lungo sette anni e una distanza totale di 9 miliardi di chilometri. .

Prima di entrare nei dettagli dell’accaduto, un veloce richiamo tecnico. BepiColombo è decollato nella notte tra il 19 e il 20 ottobre 2018 a bordo di un razzo Ariane 5. La navicella spaziale è composta da tre elementi: il Mercury Planetary Orbiter (MPO) dell’Esa e il Mercury Magnetospheric Orbiter (MMO) della JAXA. Unità di trasferimento del mercurio (MTM). Quest’ultimo è dotato di pannelli solari e di un sistema di propulsione elettrica utilizzato per generare propulsione durante il volo.

“L’impatto a lungo termine sulla missione è incerto.”

BepiColombo non vola direttamente su Mercurio. La navicella spaziale si avvicina gradualmente con l’aiuto della gravità della Terra, di Venere e dello stesso Mercurio. Durante la missione sono previsti nove sorvoli, di cui sei da Mercurio. Il quarto sorvolo attorno al pianeta è previsto per il 5 settembre 2025. Durante la manovra preparatoria per questa fase, condotta il 26 aprile, il team della missione ha notato che i propulsori MTM non funzionavano a pieno regime.

Gli ingegneri hanno fatto del loro meglio per trovare una soluzione e sono riusciti a ripristinare circa il 90% della spinta. La causa esatta del guasto non è ancora nota e il team spera di riuscire a ripristinare i propulsori al 100%. ” L’impatto a lungo termine sulla missione è incerto e i nostri esperti comunicheranno maggiori informazioni il prima possibile », Gesù dichiara In un messaggio condiviso su X.

Fonte immagine: © Issa

READ  Associazione dei medici della sanità pubblica contro Smotrich

Se l’attuale livello di energia disponibile verrà mantenuto, BepiColombo dovrebbe arrivare nei tempi previsti a settembre per completare il suo quarto sistema di assistenza gravitazionale, afferma l’ESA. L’inserimento definitivo nell’orbita di Mercurio è previsto per dicembre 20250. La missione scientifica inizierà nella primavera del 2026 e terminerà nel maggio 2027. A seconda del successo, potrà essere prolungata di un anno.

I cinque grandi misteri di Mercurio che Beppe Colombo dovrà risolvere

BepiColombo cercherà di rispondere ad alcune domande chiave su Mercurio che preoccupano gli scienziati: dove si è formato Mercurio? C’è acqua su Mercurio? Mercurio è un pianeta vivo o morto? Perché Mercurio è così scuro? Perché Mercurio ha un campo magnetico?

Pertanto, gli obiettivi scientifici della missione coprono tutti gli aspetti del pianeta e del suo ambiente.

  • L’origine e l’evoluzione di un pianeta vicino alla sua stella madre;
  • La struttura e la composizione dell’interno del pianeta.
  • Proprietà e origine del suo campo magnetico interno;
  • Processi superficiali, come craterizzazione, tettonica, sedimentazione polare e vulcanismo;
  • Struttura, composizione, origine e dinamica dell’esosfera di Mercurio.
  • Struttura e dinamica della magnetosfera di Mercurio.