Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Qual è l’origine (e la distribuzione geografica) del tuo cognome? Questo sito ti aiuta a trovarlo

Qual è l’origine (e la distribuzione geografica) del tuo cognome?  Questo sito ti aiuta a trovarlo

Non è sempre facile risalire molto indietro in un albero genealogico, soprattutto dopo i rami ancestrali e bisnonni. Se vuoi affrontare questo arduo compito, l’Archivio di Stato ha messo online da qualche settimana un nuovo dossier Sito di genealogia.

Se i tuoi antenati vivevano in Belgio, consultare circa 38,6 milioni di documenti ufficiali digitali (nascite, battesimi, matrimoni, certificati di morte, ecc.) ti permetterà di seguire le loro orme. Unica (e forse significativa) limitazione: devi sapere da quale comune proviene il documento a cui vuoi fare riferimento.

Ma se non sei pronto a scavare in tutti gli archivi del regno alla ricerca dei tuoi antenati, forse puoi iniziare con una consultazione Geneanet.org. L’obiettivo qui non è più quello di ripercorrere l’intero albero genealogico, ma di fare il primo passo, scoprendo l’origine e soprattutto la distribuzione geografica del proprio cognome.

Digita semplicemente il tuo soprannome per la mappa del mondo per visualizzare un codice colore, a seconda del numero di occorrenze registrate. Più un cognome è presente in una regione, più è colorato. Un filtro per data è molto interessante per scoprire come un cognome si è evoluto geograficamente nel corso dei secoli.

È inoltre disponibile una graduatoria dei comuni in cui il nome si trova più spesso. Per alcuni cognomi (soprattutto francesi), il sito fornisce una breve spiegazione della loro origine.

Schermata Genenet

Va notato che Geneanet si basa su alberi genealogici prodotti dalla comunità del sito, con circa 4 milioni di membri (e 8 miliardi di antenati, secondo Presse-citron). Pertanto lo strumento di mappatura proposto non può essere esaustivo.

READ  "Statuine di Star Wars del 1978 vendute per più di 1.200 euro": boom del mercato dei giocattoli antichi