Dicembre 7, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Proposta di legge sulle misure di protezione dei consumatori approvata dal governo federale

Il governo federale ha approvato venerdì un disegno di legge contenente diverse disposizioni energetiche. Mira a sancire per legge varie misure di protezione dei consumatori Sullo sfondo di prezzi elevati. Concretamente, il cliente ha sempre il diritto di rifiutare di modificare la fattura di pagamento anticipato. I termini del calcolo dell’acconto devono essere espressamente concordati dal fornitore e dal consumatore, ricordando nel loro comunicato stampa congiunto i ministri dell’Economia Pierre-Yves Dermann, Energy Tinne Van der Straeten e il ministro di Stato per la protezione dei consumatori Eva de Bleecker.

Inoltre, in caso di risoluzione di un contratto variabile, il fornitore non può trasferire pagamenti per un anno intero. Quando un consumatore con contratto elettrico o gas variabile esercita il diritto di recesso dopo sei mesi, non sarà più possibile fatturare l’intero corrispettivo fisso, ma solo in proporzione ai giorni di consegna. Pertanto, i consumatori che desiderano modificare la risorsa, ad esempio una volta che i prezzi dell’energia scendono leggermente, potranno farlo senza dover pagare per intero la tariffa fissa. Questa misura è in vigore a partire da luglio 2022 e per tutte le risoluzioni di un contratto che ha già una durata di 6 mesi.

Infine, le persone che non hanno più diritto all’aliquota sociale avranno tutele migliori, afferma il governo federale. Se la persona non ha più diritto alla tariffa sociale, il fornitore deve fornirgli il prodotto più economico nel suo portafoglio, fornirgli una panoramica dei prodotti attivi e indirizzarli al sito Web di confronto dei prezzi dell’autorità di regolamentazione regionale.


►►► Leggere: Chi pagherà di più, cosa faranno e qual è l’impatto secondo i contratti?

READ  IKEA pagherà 110 milioni di euro di bonus Covid ai suoi dipendenti

Inoltre, il Consiglio dei ministri ha deciso di condurre un monitoraggio permanente e uno studio annuale di confronto dei prezzi con quelli dei paesi vicini, seguito da un parere al governo. Dopo il parere del Consiglio di Stato, il disegno di legge viene presentato al Consiglio.