Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

17 I dipendenti ENGIE rischiano la porta: firmano contratti fermi!

La crisi energetica che sta attualmente colpendo il mercato sta spingendo alcuni a cercare di ridurre con tutti i mezzi la propria bolletta energetica. Tra chi cerca di manomettere il contatore o pompare energia a monte e chi cerca di fare soldi stipulando contratti illegali, abbondano i “trucchi” illegali. Ma i fornitori di energia stanno guardando. Questo è particolarmente vero in Engie, dove diversi dipendenti hanno consentito di firmare un contratto a prezzo fisso quando il fornitore non è più autorizzato a farlo.

“Abbiamo già individuato 17 casi di dipendenti che si sono concessi questa pratica quando abbiamo chiarito a tutti che, vista la situazione attuale, non consentiamo più l’offerta di tariffe fisse. Sono state date chiare istruzioni”.afferma Anne-Sophie Huge, direttrice delle comunicazioni di Engie. “Purtroppo, questi diciassette dipendenti hanno corso un rischio enorme perché sono stati minacciati di licenziamento”.

Tuttavia, Engy tiene a sottolineare che un numero molto elevato di dipendenti ha il compito di concludere contratti e che queste 17 persone rappresentano quindi alcuni sfortunati casi isolati. “Ricordiamo a tutti i nostri dipendenti che manteniamo la nostra fiducia in loro. Questi casi sospetti di frode rimangono marginali”.

La società inoltre non desidera commentare il profilo e l’identità dei dipendenti coinvolti in questi presunti casi di frode. “Ci rammarichiamo chiaramente della situazione e delle conseguenze che potrebbe avere, ma questi processi irregolari di conclusione di contratti a prezzi fissi, spesso a condizioni che non esistono più nel mercato attuale, non possono essere tollerati. Si tratta chiaramente di pratiche non in linea con i nostri valori aziendali. Non può rimanere impunito”.