Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Salerno

Prevenzione frane, ordinanza per 30 proprietari terrieri

controlli

Cava de’ Tirreni. Continuano le operazioni per la riduzione del rischio idrogeologico messe in atto all’indomani dei numerosi incendi che hanno devastato ettari di macchia mediterranea.

Nelle scorse ore il sindaco Vincenzo Servalli ha sottoscritto e diramato un’ordinanza di messa in sicurezza dei terreni indirizzata a ben trenta proprietari terrieri delle zone maggiormente compromesse, in particolare Contrapone e San Martino.

Attesa, infatti, l’importanza di una corretta manutenzione dei terreni e del regolare deflusso della acque nei fondi interessati, per attenuare il rischio e la pericolosità idrogeologica, su indicazione dei tecnici comunali, il sindaco Servalli ha esortato i proprietari terrieri a mettere in atto – entro un massimo di due settimane – una serie di interventi di riduzione del rischio tra cui il ripristino dell’oridinaria sede degli scarichi di acque meteoriche, la manutenzione dei fossi e dei canali, alla rimozione di qualsiasi ostacolo che impedisca il normale deflusso delle acque.

Sarà compito dei destinatari dell’ordinanza, inoltre, realizzare e mantenere efficienti i fossi di guardia per il conenimento delle acque piovane, la manutenzione, la bonifica dei terreni in modo tale da evitare che, per effetto di intemperie e altre cause, il piano stradale venga invasa da vegetazioni, terreno e detriti che possano causare pericolo per il transito delle autovetture

Nell’ordinanza si precisa, infine, che gli interventi dovranno essere eseguiti nel rispetto dei vincoli di tutela vigenti e che l’inottemperanza alle prescrizioni previste nei termini indicati sarà sanzionata con un’ammenda che va, a seconda dei casi e delle gravità del mancato rispetto dell’ordinanza, da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

news-repubblic

G+