Agosto 17, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Prevenzione della salute pubblica | Cosa accadrà alla mia terza dose?

Immagina un fiume con una cascata imponente. Ai piedi delle cascate, decine di persone si muovono freneticamente per aiutare gli altri che sono caduti nel fiume e nelle cascate, molti dei quali annegano.


Claudio Del Grande

Claudio Del Grande
Studente di dottorato in sanità pubblica presso l’Università di Montreal

Mentre la gente del posto cerca di salvarne il maggior numero possibile, un individuo alza lo sguardo per vedere un flusso infinito di persone che cadono nella cascata. Si allontana dalla riva e comincia a correre a valle. Uno degli altri soccorritori gli grida: “Dove stai andando? Ci sono molte persone che hanno bisogno di aiuto qui. L’individuo risponde: ‘Saprò perché così tante persone sono cadute nel fiume.'” ”

Questa piccola storia, attribuita all’attivista della comunità americana Saul Alinsky, illustra bene il concetto di prevenzione e le sfide a cui dovremmo naturalmente prestare attenzione in tempi di crisi.

primi dubbi

Ricordo quando è stata aperta la vaccinazione (prima dose) per il mio gruppo, che ha compiuto 40 anni senza problemi di salute cronici, la scorsa primavera. In molti paesi non serviti male dalla storia e dal destino, gli operatori sanitari e gli anziani vulnerabili ancora non vi hanno accesso. Chiaramente, non siamo stati una priorità globale per la salute pubblica.

Tuttavia, il fatto che mi sia stata somministrata una dose così rapidamente è stato descritto come un successo del governo. Prenderlo rientra nel dovere del semplice cittadino. In un incontro virtuale con i miei colleghi, ho timidamente sollevato il mio fastidio.

Ho pensato di scrivere una sceneggiatura chiedendo al nostro Primo Ministro di mandare la mia dose invece perché avrebbe le maggiori possibilità di salvare una vita. Questo posto chiaramente non era tra le mie braccia. Ma non l’ho scritto.

READ  Covid-19: queste 39 sezioni sono dove il virus si diffonde di più

Perché questo testo rischia di far sentire in colpa le persone oneste che si sono rimboccate le maniche in solidarietà con loro o la loro personale paura del virus. Ha rischiato di rallentare lo sforzo nazionale. Per dare l’impressione di buone ragioni per rifiutare il vaccino. Ma soprattutto questo testo ha avuto vere e tristi ramificazioni, qui e ora: più ricoveri, più morti, e burnout professionale per il personale infermieristico.

Così ho preso la mia dose, e poi la mia seconda dose. Non complicato. Nessuno scandalo. Poi è arrivato Omicron.

Ora più persone continuano a cadere nella caduta. Anche i nostri bagnini sono più stanchi. Alla fine, probabilmente avremo più ricoveri e morti rispetto allo scenario che avevo temuto con la prima lettera fallita.

Questo è anche il problema della prevenzione: il suo successo è un evento evitato, e quindi invisibile. Non sai mai se ne è valsa la pena perché non sai mai se saremmo così sfortunati se lo facessimo senza di lui.

regalo

Presto potrò raggiungere la mia terza dose. Probabilmente non sarà l’ultimo. Ma non potrò prenderlo. Comunque, non subito. Perché ho contratto il virus poco prima delle vacanze.

Primo Ministro, vorrei sapere se posso donare una dose. Mandala dove ha maggiori possibilità di salvarle la vita. Molte persone che sono più vulnerabili o critiche nei miei confronti avranno bisogno di un posto sul nostro prezioso pianeta blu. voglio contribuire.

Inoltre, molti quebecchesi come me hanno avuto una terza dose “normale” inaspettata di recente e non avranno bisogno di quella che ho riservato loro. Cosa hai intenzione di fare con loro prima che scadano?

READ  Potrebbero esserci delle conseguenze per il nostro pianeta!

Potete sviluppare un programma in cui acquistiamo un numero proporzionale di dosi per uso internazionale per ogni dose acquistata?

È tempo di affrontare ciò che sta accadendo a monte delle cascate.