Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Presto l'Isola Principessa Elisabetta, la prima isola energetica al mondo: questi giganteschi blocchi verranno collocati sul fondo del Mare del Nord

Presto l'Isola Principessa Elisabetta, la prima isola energetica al mondo: questi giganteschi blocchi verranno collocati sul fondo del Mare del Nord

Sono iniziati i lavori di costruzione sull'Isola Principessa Elisabetta nel porto di Vlissingen. Quest'isola energetica dovrebbe diventare un collegamento essenziale nell'approvvigionamento di energia verde del Belgio.

A Vlissingen, gli appaltatori marittimi Jan De Nul e DEME stanno costruendo i primi cassoni dell'isola per conto dell'operatore della rete ad alta tensione Elia. Questi cassoni, massicce strutture in cemento, costituiranno le fondamenta dell'infrastruttura.

Le dimensioni di questi blocchi sono enormi: 57 metri di lunghezza, 30 metri di larghezza e altezza. Ogni copia pesa 22mila tonnellate. Questi articoli vengono prodotti in più fasi, per un totale di 3 mesi ogni volta. Al ritmo attuale, il blocco lascerà il sito ogni 17 giorni. Vengono prima stazionati nel porto e poi trasportati alla loro destinazione finale, a 45 chilometri dalla costa belga.



In totale saranno 23. Il primo è quasi stato completato e dovrebbe essere collocato sul fondo del Mare del Nord quest'estate. Se il programma verrà rispettato, otto di essi verranno installati sul fondale marino quest'anno e il resto nel 2025.

Una volta posizionati, i cassoni verranno riempiti di sabbia e verrà costruito il resto dell'infrastruttura. Si prevede che l’intera isola sarà completata entro il 2026, con la consegna delle turbine eoliche nel 2028.

Anche il consorzio DEME e Jan de Nul hanno già effettuato alcuni lavori in mare e il fondale marino che ospiterà l'isola è stato livellato.



READ  Il classico assoluto "Behem" da 3.500 euro
-->

Energia per il nostro Paese

L’Isola Principessa Elisabetta sarà la prima isola energetica al mondo. Dovrà fornire al nostro Paese l'energia proveniente dai numerosi parchi eolici offshore installati nel Mare del Nord, e non solo con la propria energia.

Quattro anni fa, il budget del progetto era stimato a 2 miliardi di euro: per l'isola, le sue infrastrutture e tutte le comunicazioni necessarie.

Questo rimane un buon affare per i consumatori belgi

Il costo totale alla fine sarà più alto, ammette Catherine Vandenboer, amministratore delegato ad interim del Gruppo Elia. Il motivo è l'inflazione dei prezzi dei materiali da costruzione di base e l'inflazione derivante dall'aumento della domanda di materiali destinati all'energia eolica. Al momento è impossibile stimare il surplus. Questo potrebbe accadere alla fine dell'anno, ritiene la Vandenboer. “Ma è comunque un buon affare per i consumatori belgi. Non fare nulla e continuare a importare la costosa elettricità sarà molto più costoso“, come dici.





Il primo ministro Alexander De Croo, il ministro dell'Energia Ten van der Straeten e il segretario di Stato per la ripresa e gli investimenti strategici Thomas Dermen sono andati martedì a tastare il polso del sito.