Aprile 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Chi lavora deve guadagnare almeno 500 euro in più di chi non lavora”, Open VLD vuole attirare occupazione

“Chi lavora deve guadagnare almeno 500 euro in più di chi non lavora”, Open VLD vuole attirare occupazione

“Per un paese libero e forte”, ha detto il ministro della Giustizia Vincent van Quickenborn, che, insieme al deputato fiammingo Maurits Vande Reede, organizzerà la conferenza Open VLD il mese prossimo. Il partito presenta una serie di proposte volte ad ampliare la differenza tra lavoratori e lavoratrici. L’obiettivo è fare questa differenza al netto di 500€ al mese.

Van Quickenborn e Vande Rede, in particolare, propongono di congelare gli aumenti delle prestazioni. fino a raggiungere questa differenza. Dopodiché, i benefici possono aumentare di nuovo, ma non più velocemente dei salari di chi lavora.

I liberali vogliono anche riunire in un’unica somma sociale, legata alla volontà di lavorare e limitata nel tempo, le diverse prestazioni sociali riservate a chi non lavora. Si pensi, ad esempio, ai benefici sociali dell’energia, di Internet, degli alloggi e dei trasporti pubblici. “Le persone che ricevono questo importo possono decidere da sole come spenderlo”, afferma il libro.

Infine, per aggiungere un impulso fiammingo a queste riforme federali, i liberali chiedono anche un ampliamento e un approfondimento del premio fiammingo per l’occupazione. Questo bonus lavoro, destinato ai fiamminghi che lavorano e guadagnano complessivamente non più di 2.500 euro al mese, può ammontare a un bonus annuo di 600 euro, ovvero 50 euro al mese. Secondo Open VLD, può ancora essere indurito. Ad esempio, vuole estendere il bonus occupazione a tutti i lavoratori, compresi gli autonomi, e raccomanda di triplicarne l’importo. Ciò significa che i lavoratori possono ottenere fino a 1.800 euro di detrazioni fiscali all’anno o ulteriori 150 euro netti al mese.

“Oggi le persone stanno apertamente attestando che è meglio per loro non lavorare e vivere a spese di chi lavora. Non sono assolutamente d’accordo. Ma bisogna riformare radicalmente il sistema per bandire questa mentalità, ” dice la signora Vande Ryde. “Mentre altre parti fanno proposte su proposte per scoraggiare ulteriormente l’azione e premiare l’inazione, vogliamo cambiare il corso della petroliera”.

READ  Nucleare: chi installerà il primo "piccolo reattore modulare" al mondo?