Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Potresti avere microplastiche nel cervello e gli scienziati stanno lanciando l’allarme

Potresti avere microplastiche nel cervello e gli scienziati stanno lanciando l’allarme

questo è spaventoso. Lo dice un nuovo studio pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives e riportato dal sito New York PostPiccoli pezzi di plastica potrebbero nascondersi nel nostro cervello. Un’osservazione preoccupante che dovrebbe allertare le autorità sanitarie. Come sottolineano i ricercatori dell’Università del New Mexico, le microplastiche sono ovunque. Dall'acqua al cibo fino all'aria che respiriamo, rappresentano una vera minaccia per il nostro organismo.

Concretamente, consumiamo in media cinque grammi a settimana, ovvero più o meno il peso di una carta di credito. I ricercatori hanno notato che si sposta dal nostro intestino ad altre parti del corpo, come i reni, il fegato e il cervello. È un fenomeno che può avere effetti dannosi a lungo termine.

Per arrivare a questa conclusione, il professor Eliseo Castillo e il suo team di ricercatori hanno trascorso quattro settimane dando ai topi acqua potabile che conteneva la quantità di microplastiche che gli esseri umani ingeriscono ogni settimana. I risultati: dopo solo poche settimane, i topi mostravano già segni di cambiamenti fisici, un’osservazione che solleva interrogativi. “Questi topi sono stati esposti ormai a quattro settimane, pensate a cosa significa per noi esseri umani che siamo stati esposti a questo da quando siamo nati.” Durante la sua partecipazione, ha annunciato le conseguenze dirette di questa esposizione.

video – Cartella sanitaria – Dott. Christian Recchia: “Questi i cinque segnali che mi permettono di stabilire se il paziente è sano”

Cambiare le cellule immunitarie

Come ha spiegato, le microplastiche indeboliscono le cellule immunitarie chiamate macrofagi, che sono responsabili della protezione del corpo da particelle estranee, portando all’infiammazione nel corpo. Questo è un fenomeno che, a suo avviso, può portare ad un'esacerbazione della malattia di base.

READ  Huy cerca un successore di Jackie DuBois, il suo maestro di cerimonie; "È stata Anne-Marie Lezin a offrirmi il lavoro, e questo è successo 33 anni fa."

Leggi anche >> Le microplastiche sono inevitabili, ma questi suggerimenti possono aiutarti a mangiarne meno

Ora Eliseo Castillo e il suo team vogliono comprendere l’impatto della dieta sul modo in cui il corpo assorbe le microplastiche. “Quindi quello che faremo è dare a questi animali da laboratorio una dieta ricca di colesterolo, una dieta ricca di grassi o una dieta ricca di fibre, e saranno o meno esposti alle microplastiche. L’obiettivo è cercare di capire se la dieta influenza l’assorbimento delle microplastiche nel corpo.Lei spiegò.