Maggio 19, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Peter Sagan attraversa il Tour de France come un’ombra

Peter Sagan attraversa il Tour de France come un’ombra

A 33 anni, è decisamente solo l’ombra di se stesso. Dal 26 giugno 2022 e dal suo incoronamento di Campione Slovacco, Peter Sagan non ha vinto una gara. L’uomo con 121 vittorie professionali, tre volte campione del mondo e sette volte maglia verde del Tour de France sembra trascinare la sua miseria nell’anonimato dal gruppo. Dalla sua partenza da Bilbao, il suo miglior piazzamento è stato l’ottavo posto mercoledì al Circuit de Moulins. L’ex campione non sembrava più preoccuparsene.

Da quando ha annunciato a gennaio al Tour de San Juan che la stagione 2023 sarebbe stata l’ultima della sua carriera, ha dato l’impressione di essere in un tour di addio e di avere già idee altrove. Non intende rimanere inattivo. No, lo slovacco vuole davvero (ri)andare in mountain bike per assicurarsi la qualificazione ai Giochi Olimpici di Parigi. Logicamente, dovrei interrompere la mia carrieraEgli ha detto. A meno che non raggiunga qualcosa che mi faccia venire voglia di continuare a pedalare in mountain bike. Oltre a questo, rappresenterò il marchio di nicchia in alcuni eventi in tutto il mondo, come previsto da tempo”.

Come risultato di questa decisione: Sagan non correrà più per TotalEnergies il prossimo anno e Specialized lascerà il team francese con lui dopo due anni di collaborazione.

citazioni

“Mi diverto ancora in bici.”

Nel frattempo, dice che si sta godendo la Grande Boucle dove ha vinto 12 tappe nel corso della sua carriera. Anche se non è sempre facile, mi diverto comunque con la moto.E conferma di non essersi preoccupato di vincere almeno due volte solo da gennaio 2022, data del suo arrivo nella nazionale francese.

READ  Una sconfitta di troppo per Edward Steele a Kortrijk? - Tutto il calcio

Sagan vince la Parigi-Roubaix nel 2018

L’anno prossimo, l’ex vincitore del Giro delle Fiandre (2016) e della Parigi-Roubaix (2018) tornerà al suo primo amore. La mountain bike è, infatti, la disciplina in cui ha brillato prima di mettersi in viaggio. Ha vinto il bronzo ai Campionati Europei Juniores nel 2007, ed è diventato campione del mondo ed europeo nella categoria 12 mesi dopo.

Non ha mai nascosto di esercitare la sua disciplina nel cuore ogni volta che ne ha la possibilità, e se si qualificherà a Parigi 2024, sarà la sua seconda partecipazione olimpica in mountain bike dopo Rio nel 2016, dove arrivò solo 35° ma senza alcun vero preparazione. . Questa volta dice che non vuole fare le cose a metà. Nel frattempo, questo giro attraversa come un’ombra.