Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché l’Europa vuole inasprire i toni attraverso un nuovo accordo sulla migrazione?

Perché l’Europa vuole inasprire i toni attraverso un nuovo accordo sulla migrazione?

L’accordo, raggiunto da martedì sera a mercoledì dai deputati del Parlamento europeo e dai rappresentanti dei 27 paesi, rappresenta il primo passo verso un rafforzamento della politica di accoglienza in un’Europa che da molti anni si trova ad affrontare il problema dell’immigrazione. Solo nei primi undici mesi dell’anno Frontex ha registrato quasi 355.000 attraversamenti. Secondo l’Agenzia europea per l’asilo, le domande di asilo per l’intero anno 2023 potrebbero raggiungere il milione.

In questo contesto, i ventisette paesi hanno concordato le linee generali di una politica i cui testi, non ancora scritti con precisione, dovranno essere ratificati dal Consiglio d’Europa e dal Parlamento europeo.

Infatti, il paese attraverso il quale i migranti entrano nell’Unione Europea rimarrà responsabile della loro pratica. Ma verrà messo in atto un regime obbligatorio di solidarietà in caso di pressione migratoria sui paesi del Mediterraneo, che sono i territori di primo ingresso in Europa. Gli altri Stati membri dovranno accogliere i richiedenti asilo o fornire un risarcimento finanziario ai paesi ospitanti.

La riforma prevede anche un sistema di filtraggio dei migranti, con l’obiettivo di rimpatriare nei loro paesi i migranti le cui possibilità di ottenere asilo sono quasi inesistenti. Cioè chiunque non fugge dalla propria patria per motivi di persecuzione o di guerra.

Il Senato approva in gran parte il disegno di legge francese sull’immigrazione: la maggioranza macroniana rischia una spaccatura senza precedenti

Infine, l’ultimo punto critico riguarda l’accoglienza delle famiglie con minori di 12 anni. L’accordo prevede che possano essere detenuti in centri chiusi attorno ai confini europei. O per il Belgio vicino all’aeroporto di Bruxelles.

Dopo questo accordo, il Ministro aggiunto per l’Asilo e l’Immigrazione, Nicole De Moor, ha dichiarato di accoglierlo con favore. “È necessario controllare meglio chi può emigrare nell’Ue e chi noDice. È logico che tutti i paesi europei facciano finalmente sforzi equi per accogliere le persone a cui è stato concesso asilo.

READ  Presidente 2022: tour di Jean-Luc Mélenchon au 2e? Visualizza i risultati in diretta

Secondo il suo ufficio, il sistema di asilo belga è sotto pressione. “Le nostre procedure di asilo e i nostri centri di accoglienza accolgono troppe persone che non hanno nulla da fare lì. Meno della metà dei richiedenti asilo nel nostro Paese ha bisogno di protezione. Ciò significa che i richiedenti non provengono da una zona di conflitto ma vogliono migrare per motivi economici Questo non è lo scopo della procedura di asilo, altre procedure devono essere seguite se vuoi venire a lavorare o studiare in Belgio.

Secondo Nicole De Moor, la chiave per la distribuzione dell’asilo indica che il Belgio dovrebbe accogliere il 3,2% dei migranti. Ovvero 11.400 richiedenti per il periodo da gennaio a novembre. Tuttavia, durante questo periodo ne ha ricevuti tre volte quel numero (31.500).

Tuttavia, il Ministero degli Esteri precisa che, anche se la Convenzione dovrebbe consentirlo, il Belgio non collocherà i minori di età inferiore ai 12 anni in centri chiusi. «Le famiglie con minori di 12 anni verranno collocate in strutture di accoglienza dove saranno garantite cure mediche e istruzione ai bambini in età scolare», ci viene detto.

Da parte loro, le organizzazioni per i diritti umani ritengono che l’accordo… “Non fornisce sostegno tangibile ai paesi di primo ingresso nell’UE”Consiste di “ritirarsi” Politica di asilo. “Questo accordo probabilmente aumenterà la sofferenza in ogni fase del viaggio per le persone che cercano asilo nell’UE”.secondo Eve Guede, direttrice dell’Ufficio delle istituzioni europee di Amnesty International. “È concepita per ostacolare ulteriormente l’accesso di queste persone alla sicurezza. La Carta porterà sicuramente ad un aumento del numero di persone, comprese le famiglie con bambini, detenute di fatto alle frontiere dell’UE.

READ  Guerra in Ucraina: Migliaia di persone rendono omaggio all'eroe caduto Da Vinci nella battaglia di Bakhmut