Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché la cattura di Lyman da parte dell’esercito ucraino è un serio problema per le forze russe

Nell’est della regione di Kharkiv (nordest), la rete ferroviaria converge ad un certo punto verso la stazione di Kupyansk Vouzlovi, per poi scendere a sud verso Svatové, nella regione di Lugansk, annessa alla Russia.

Durante i sei mesi di occupazione russa, i treni hanno trasportato rifornimenti attraverso questi binari alle forze di Mosca di stanza nel sud, rendendo questa stazione un centro logistico vitale per le operazioni militari russe.

Ma la situazione è cambiata negli ultimi giorni. Il contrattacco ucraino ha permesso a Kiev di recuperare vaste aree di territorio nella regione, costringendo i russi a ritirarsi.

Sebbene la stazione sia stata gravemente danneggiata, ora è nelle mani dell’esercito ucraino.

“Questo sito è sempre stato un punto strategico importante. È un crocevia di merci e treni”, spiega Rosomakha, un soldato ucraino il cui nome in codice si traduce in “Glutton”.

Dietro di lui, i finestrini della stazione sono stati sfondati e l’ingresso è deserto.

Durante la visita all’unità della stazione “Rosomakha” domenica, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato ufficialmente la cattura di Lyman, al fronte, nella regione di Donetsk, ma Mosca l’ha annessa venerdì.

In un video, ha elogiato la città per essersi “sbarazzata completamente” dell’esercito russo, segnando una vittoria significativa per Kiev, due giorni dopo che Mosca ha formalizzato l’annessione del territorio ucraino controllato o interamente controllato dal suo esercito.

“in preda al panico”

Kupyansk Vouzlovi si trova a 90 km a nord di Lyman, lungo il fiume Uskil, non lontano dalla città di Kubyansk, che è stata catturata dagli ucraini la scorsa settimana.

Di fronte ai suoi fallimenti, l’esercito russo fu costretto a ritirarsi frettolosamente in direzione di Svatov, a metà strada verso le importanti città di Severodonetsk e Lyseshansk, che ebbe difficoltà a catturare dagli ucraini prima dell’estate.

READ  Due leoni infettati dal virus Corona in uno zoo croato | anormale

Non basta preoccupare “Rusomakha” ei suoi fratelli d’armi che sono determinati a continuare la loro marcia in avanti per liberare i territori occupati.

“Sono fuggiti in preda al panico e in realtà hanno ridistribuito le loro forze in altri luoghi in piena estate”, dice il soldato, aggiungendo che la cattura di diversi prigionieri russi dà all’esercito ucraino una buona conoscenza degli spari che Mosca ha preso a terra.

Secondo lui, l’esercito russo è già stato rinforzato dai riservisti, che centinaia di migliaia di persone hanno chiamato frettolosamente meno di dieci giorni fa dal presidente Vladimir Putin, per fermare le dinamiche di Kiev.

Il soldato vuole essere sicuro di sé e afferma che “secondo la legge ucraina, queste terre fanno parte dell’Ucraina”, ha detto delle aree annesse a Mosca, che Kiev e i suoi alleati occidentali hanno ampiamente condannato.

“Questa è la nostra terra”, aggiunge, fermandosi a pochi metri da un grande cratere formato dai bombardamenti dell’esercito russo in ritirata.

“Vengo dalla regione di Lugansk”, dice, “che è ancora in gran parte sotto il controllo russo”. “Ecco perché non mi fermerò finché l’ultimo russo non lascerà queste terre”.