Agosto 7, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la giornalista russa Marina Ovzannikova si rifiuta di tacere

Ha acquisito notorietà per aver boicottato un telegiornale con un’etichetta contro la guerra. Giovedì Marina Ovsannikova è stata condannata a una nuova multa.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Giornalista al servizio mondiale

Tempo di lettura: 2 minuti

ySono contro la guerra e continuerò a dirlo. All’ingresso del tribunale di Mosca dove è stata processata giovedì, la giornalista russa Marina Ovzannikova ha espresso il suo coraggio davanti alle telecamere della BFM. È meglio conosciuta per aver portato uno striscione contro la guerra durante un comunicato stampa per un canale statale in Russia.

Giovedì Marina Ovsannikova è stata multata di 50.000 rubli (800 euro) per aver “diffamato” le forze armate russe. Questo è il nuovo reato introdotto dal Cremlino all’inizio di marzo, che vieta espressamente ai giornalisti in Russia di usare il termine “guerra” per parlare dell’invasione russa dell’Ucraina.


Questo articolo è riservato agli abbonati

Con questa offerta, goditi:
  • Accesso illimitato a tutti gli articoli, file e report della redazione
  • Il giornale in versione digitale
  • Comodità di lettura con annunci limitati



READ  Voici comment la Belgique peut se passer du gaz russe