Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Perché il polline ci fa starnutire così tanto in questo momento?

Perché il polline ci fa starnutire così tanto in questo momento?

Una settimana molto difficile per chi soffre di allergie.

Stanco, testa piena, occhi rossi, naso che sgorga come una fontana… Attualmente, “Il polline dell’erba è abbondante nell’aria e disturba seriamente le persone con allergie, e il rischio di allergie è alto in tutto il paese”. riferirti RNSA. Il polline viene prodotto in abbondanza durante il periodo di fioritura delle piante, quando i fiori sono aperti e pronti per l’impollinazione (che è adesso!). “Gli alberi vengono impollinati a dicembre, l’erba da aprile a giugno e le piante erbacee per tutta l’estate fino a settembre.“Spiega il dottor Maxime Husot, allergologo dell’ospedale privato Nancy Lorraine. La stagione quindi non è ancora finita e il ritorno del sole aggrava la situazione.

Il polline può essere trasportato dagli insetti (polline entomofilo) o dal vento (polline entomofilo). Il polline trasportato dal vento è più leggero e può percorrere migliaia di chilometri. Quando il polline entra in contatto con le mucose del naso, può scatenare una reazione nelle persone allergiche. “Questa reazione allergica è caratterizzata dal sistema immunitario che rilascia istamina e altre sostanze infiammatorie per combattere ciò che percepisce come una minaccia.“, aggiunge il medico. Queste sostanze provocano poi una serie di risposte nel corpo: prurito al naso, starnuti e aumento della produzione di muco.

“Quando le mucose nasali sono irritate, il cervello stimola il riflesso dello starnuto per espellere allergeni e sostanze irritanti dalle vie respiratorie”.

Quando le mucose nasali sono irritate, il cervello stimola il riflesso dello starnuto per espellere allergeni e sostanze irritanti dalle vie aeree.Il polline può anche causare congiuntivite con prurito e lacrimazione agli occhiInfezione del tratto respiratorio responsabile di tosse o addirittura asma. Alcuni studi hanno dimostrato che esiste una componente genetica nella predisposizione alle allergie, inclusa l’allergia ai pollini.conosce i nostri interlocutori. Le persone con una storia di allergie nei loro genitori o familiari stretti hanno maggiori probabilità di avere reazioni allergiche, inclusi starnuti in risposta al polline.“Anche il nostro interlocutore conferma. “Le persone che vivono in aree con alti livelli di polline, o coloro che sono esposti ad alte concentrazioni di polline durante la stagione dell’impollinazione delle piante, hanno maggiori probabilità di sviluppare allergie”.“.

READ  L'autostrada A64 è attualmente in fase di apertura nell'Alta Garonna; Molti assedi furono revocati in tutta la Francia

Il trattamento per gli starnuti causati dai pollini mira a ridurre i sintomi per migliorare la qualità della vita delle persone colpite. Iniziamo con una valutazione allergologica per cercare di identificare l’allergene responsabile dello starnuto. Anche l’esposizione al polline dovrebbe essere evitata il più possibile. Per fare questo, resta in casa durante i periodi di alta concentrazione di pollini, tieni le finestre chiuse, usa un condizionatore con filtro dell’aria, fai la doccia (e lavati i capelli) e cambiati i vestiti dopo essere andato in bagno all’aperto. Inoltre, possono essere prescritti antistaminici:Bloccano gli effetti dell’istamina e quindi riducono starnuti, prurito, naso che cola, arrossamento e irritazione degli occhi..

Possono essere utilizzati anche antinfiammatori locali come i corticosteroidi nasali. Infine, l’immunoterapia allergica o “desensibilizzazione” consente di ridurre la sensibilità del sistema immunitario ai pollini somministrando gradualmente dosi crescenti di polline. “È un trattamento a lungo termine che può aiutare a ridurre la gravità dei sintomi allergici e a migliorare la tolleranza ai pollini. “Ha dimostrato la sua efficacia.”. Questo viene fatto tramite compresse (o soluzione acquosa) e spesso viene assunto in 3 stagioni consecutive di 6 mesi.

Grazie al Dr. Maxime Husot, allergologo dell’Ospedale Privato Nancy Lorraine (ELSAN)