Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa succederebbe se la Russia attaccasse aree al di fuori dell’Ucraina? Rivelare i piani di difesa della NATO

Ricordiamo che l’anno scorso a Vilnius i leader della NATO hanno deciso di tenere in allerta 300.000 soldati per proteggere l’alleanza. Secondo The Telegraph, che era a conoscenza dei piani previsti, ci saranno diversi corridoi strategici. Con l’obiettivo di inviare rapidamente truppe e mezzi blindati americani in prima linea.

Secondo questi piani, cosa riporta HLN Secondo quanto riportato dai media britannici, le forze americane sbarcheranno nei Paesi Bassi, in particolare nel porto di Rotterdam. Da lì avrebbero viaggiato in treno verso est verso la Germania e la Polonia. Da notare che sono previste soluzioni anche nel caso in cui i porti dei Paesi Bassi o del Nord Europa venissero effettivamente attaccati dai russi. Sono già stati infatti raggiunti accordi per dislocare le forze americane a sud, in Italia. Da lì, possono spostarsi via terra attraverso la Slovenia e la Croazia fino all’Ungheria, che confina con l’Ucraina.

Altro corridoio, sempre a sud: dai porti turchi e greci gli americani potrebbero raggiungere il fianco orientale dell’alleanza attraverso Bulgaria e Romania.

Vicino a Chasev Yar, la fanteria ucraina sopporta droni, proiettili e noia

Preoccupazioni per la difesa aerea

Poiché HLN esegue la migrazione, non è facile considerare più corsie. Perché secondo i calcoli interni della NATO, per quanto riguarda la difesa aerea, l’Europa non è in grado di proteggere adeguatamente il proprio fianco orientale. In altre parole: i paesi dell’Europa centrale e orientale sono i più “fragili” in caso di attacco russo.

Anche Alexander Solfrank, capo del Comando congiunto di supporto e abilitazione logistica della NATO, è preoccupato per le attuali capacità aria-terra di difendere i principali centri logistici dell’alleanza. “È chiaro che le enormi basi logistiche, come le conosciamo o le conoscevamo in Afghanistan e Iraq, non sono più possibili, perché verranno attaccate e distrutte troppo presto nel conflitto.Ha sottolineato. Prima di insistere su questo principio militare: “Se vuoi essere forte ovunque, alla fine non sarai forte da nessuna parte”.

READ  Gironda di fronte al fuoco: nuove evacuazioni promettono che le prossime ore saranno "molto difficili"