Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Pensare alla salute collettiva nelle città

Pensare alla salute collettiva nelle città

Questo è un argomento molto ampio che è stato definito da 11 studenti del gruppo. Ci sono volute alcune settimane per prendere una decisione, ma le questioni che sono emerse più spesso erano legate alla salute e all'urbanistica, spiega uno dei portavoce dell'evento, Jonathan Cote-Fortin.

Il direttore del programma, Jean-François Boucher, aggiunge che le città sono ecosistemi umani contenenti una miriade di elementi e situazioni. “In precedenza, la pianificazione urbana era governata dalle competenze, cioè dagli urbanisti. Ora ci rendiamo conto che è multisettoriale e multidisciplinare. Non è possibile guardare i problemi che affrontiamo nelle città dal solo punto di vista della pianificazione urbana perché sono molto complessi, li vediamo nelle questioni climatiche, abitative o di gestione urbana.” Terreni, ambienti boschivi o mobilità.

Alla DESS Environmental Consulting si tengono molti discorsi su questi diversi argomenti. Tanto più che gli 11 studenti provengono da cinque paesi diversi: Canada, Senegal, Camerun, Messico e Francia. “Migliora le nostre discussioni. Abbiamo competenze diverse. Ognuno ha esperienza e la nostra cultura ci aiuta ad avere discussioni e problemi migliori”, afferma Catherine Gingras-Leduc, studentessa e portavoce che ha partecipato all'evento.

Al di là delle loro origini, questi studenti arrivano all'UQAC con un patrimonio di esperienza. Alcuni sono urbanisti, altri sono biologi o provengono dal mondo agricolo. Esperienze di vita che portano diversità di prospettive.

Questa diversità sarà molto presente Durante un evento di consultazione ambientale. Ci sarà un relatore dell'Istituto Nazionale di Sanità Pubblica del Quebec e altri del Ministero degli Affari Municipali e dell'Edilizia, che ha appena aggiornato il suo quadro di pianificazione dell'uso del territorio.

READ  Un'emittente meteorologica è stata pesantemente criticata per aver dichiarato oltre 40 gradi in Francia e Belgio in 10 giorni: "Bruceremo davvero".

I partecipanti potranno anche ascoltare diverse prospettive sull’agricoltura urbana, sulla mobilità sostenibile e sulla pianificazione urbana. Sarà possibile partecipare alla passeggiata esplorativa. “Si tratta di un workshop tenuto da Johan Elsener. “Andiamo all'estero per fare un corso di formazione e questo ci porta a pensare a diversi problemi di mobilità, ad esempio per una madre con un passeggino”, spiega Jonathan Côte-Fortin.

Il Science Bar dell'UQAC consente ai partecipanti di porre agli esperti diverse domande su un particolare argomento.  Il tono è sempre amichevole in queste serate.

Giovedì sera lo Science Bar sarà sicuramente molto divertente. Diversi relatori, tra cui l'Assessore Jimmy Bouchard, cercheranno di rispondere alla domanda: “L'espansione urbana ci fa ammalare?”

Già 45 persone si sono iscritte allo Science Bar e 80 alla conferenza. Rimangono ancora diversi posti.