Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

PEB: Le regole sono cambiate e i proprietari sono cambiati

Oltre alla mancanza di coordinamento tra regioni per quanto riguarda la creazione dei certificati PEB, la Federazione Nazionale Proprietari e Coproprietari si rammarica che le modifiche apportate alla modulistica nel corso degli anni penalizzino i proprietari. In un articolo pubblicato sul quotidiano Le Cre, Pierre Dufenbach, ingegnere civile, spiega che un proprietario che ha ottenuto un certificato “D” dieci anni fa e che lo rinnova oggi, senza aver svolto alcun lavoro, riceverà spesso una “E” o certificato “E”.

“Il motivo è che i modelli sono stati affinati, e diverse cose sono progettate diversamente: la stratificazione (secondo un sistema chiamato C o D) permette di migliorare significativamente il proprio punteggio mentre dieci anni fa questo criterio aveva poco o nessun impatto sul PEB.” “Le perdite attraverso i seminterrati sono più punitive rispetto ai telai in alluminio di serie.”“, spiega Pierre Dufenbach.

Esempio: un appartamento a Bruxelles che ha ricevuto E+ nel 2012 (218 kWh/m²/anno) e non è stato oggetto di lavori, si trova nel 2023 al confine tra F e G con 345 kWh/m²/anno. “Va notato che il consumo effettivo è inferiore a 200 kWh/m²/anno in 10 anni per questo appartamento prima dei lavori. Pertanto, il certificato del 2012 fornisce risultati più vicini alla realtà rispetto ai conti del 2023, considerati più punitivi.

Tuttavia, per questo stesso appartamento, il proprietario ha eseguito diversi lavori nell’arco di 10 anni. Sostituendo i vecchi doppi vetri con nuovi doppi vetri si risparmia 4,5 kWh/m²/anno. Isolando il tetto del garage si risparmiano 30 kWh/m²/anno e installando pannelli fotovoltaici si risparmia 87 kWh/m²/anno.

“Grazie a questo lavoro il proprietario sperava di passare da 218 kWh/m²/anno a meno di 100 kWh/m²/anno. Ma non è così, lui rimane con il certificato E, con un risultato di 225 kWh/m² /anno, dovuto a modifiche delle regole di calcolo.

READ  Un negozio in franchising su tre ha il conto in rosso: un numero raddoppiato in due anni

Ancora una volta, questo esempio dimostra la necessità di rivedere i metodi di certificazione perché il consumo teorico di PEB è notevolmente esagerato.

Anche da parte degli agenti immobiliari deploriamo questo arrotondamento dei consumi menzionato nel PEB. “Abbiamo raggiunto deviazioni in cui una casa completamente rinnovata non migliorerà di PEB Edice Fabien, un agente immobiliare a Bruxelles. Ciò influisce sul prezzo di vendita e, in alcuni casi, rallenta gli acquirenti perché non vedono quali miglioramenti possono apportare alla casa per soddisfare i futuri requisiti stabiliti dal governo. Inoltre, gli acquirenti ricordano ancora le impennate dei prezzi dell’energia e spesso scappano quando gli viene detto che un PEB è E o F, senza conoscere il consumo reale dell’immobile.