Salerno

Palloncini arancioni contro la violenza

palloncini

Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Palloncini arancioni per il flashmob anti-violenza organizzato dal Dipartimento Tutela Vittime di Fratelli d’Italia-An Campania svoltosi questa mattina in Piazza San Francesco a Salerno.

Nel corso della mattinata è stato allestito anche un banchetto tramite il quale i cittadini che hanno partecipato al flashmob hanno potuto offrire la propria adesione alla raccolta firme sui Permessi Premio, per la proposta di legge a modifica del codice di procedura penale, art. 90, che prevede che le vittime di violenza vengano ampiamente informate sulla scarcerazione e i permessi premi degli autori dei crimini violenti.

«E’ così che abbiamo voluto dire “no” ad ogni forma di violenza, non solo quella nei confronti delle donne ma di qualsiasi individuo – spiega Imma Vietri, Coordinatore Dipartimento Vittime di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale – Nel primo semestre del 2016, infatti, in Campania sono stati concessi 1049 permessi premio. Il nostro impegno, inoltre, è quello di porci come strumento di intermediazione costruttiva tra la società civile e il Parlamento affinché i nostri rappresentati politici possano portare in definizione di legge le istanze meritevoli di particolare attenzione».

Numerose le associazioni e le personalità di spicco della provincia di Salerno e di Napoli che hanno preso parte alla manifestazione. Oltre al movimento giovanile del partito, al Coordinamento cittadino di Salerno, ai dirigenti del partito e a diversi amministratori del territorio provinciale (tra cui il Consigliere Regionale Alberico Gambino, il Sindaco di Sant’Egidio del Monte Albino, Nunzio Carpentieri, e l’avvocato Marcello Feola) anche le associazioni “Rosa Bianca” (Napoli), “Mezzogiorno Nazionale” e “Noi per la famiglia” (Benevento), Protezione Civile “San Lorenzo” (Sant’Egidio del Monte Albino), Onlus “Strada Facendo” e “Frida” (Cava de’ Tirreni), “Kore” (Salerno) e Annamaria De Vanna, responsabile del Dipartimento Tutela Vittime di Benevento.

Testimonial dell’evento il dottor Mario Garzia, l’audioprotesista salernitano che lo scorso 13 novembre è stato vittima di percosse ad opera di ignoti davanti al suo centro medico.

«La mia presenza al flashmob non è solo la triste testimonianza di quanto mi è successo – ha spiegato il dottor Garzia –. Ma soprattutto un sollecito per i nostri rappresentanti politici ad agire affinchè ci sia un miglioramento delle norme previste dal codice di procedura penale per snellire le attività investigative e assicurare maggiore tutela per le vittime».

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi