Attualità Campania Cronaca Pagani Salerno

Pagani, giorni di attesa per i lavoratori della Telis: rischiano di perdere il lavoro

Sono giorni di trepidante e spasmodica attesa per i 57 operai dello stabilimento Telis di Pagani. La cassa integrazione per i dipendenti dell’azienda dichiarata fallita un anno fa scadrà il 5 luglio, quando saranno effettive anche le lettere di licenziamento inviate loro poco prima di Pasqua. Nei giorni scorsi c’è stato un incontro al Mise per cercare di salvare l’azienda e il futuro dei lavoratori. Oltre all’assessore regionale Amedeo Lepore, presente anche il consigliere regionale Franco Picarone: “Il 12 ci sarà un incontro con l’Enel per delle forniture ad un’impresa che subentra per salvare l’azienda. Nel frattempo si lavora per una CIG in deroga di tre mesi a richiesta della curatela fallimentare su tali premesse. Saranno oggetto di comunicazione del Ministero – ha spiegato il consigliere del Pd – autorizzazione del Giudice Delegato e assenso dell’assessore regionale al lavoro Sonia Palmeri”. Si tratta però di una corsa contro il tempo, i giorni stringono e nonostante i buoni propositi la situazione non è chiarissima. I lavoratori sono fiduciosi, confidano nelle rassicurazioni del mondo della politica e in un colpo di coda che possa portare la Telis nelle mani di imprenditori che pure sarebbero interessati a rilevarne le sorti. Ciò permetterebbe ai dipendenti di non perdere il lavoro o, quantomeno, di veder prolungata la cassa integrazione.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi