fbpx
Agro Nocerino Salerno

Pagani, festa di Sant’Alfonso. Il vescovo: “Ricostruiamo le nostre città partendo dal confessionale”

vescovo

“Ricostruiamo le nostre città partendo dal confessionale”. Un invito a ricostruire le città, partendo dall’aspetto interiore dell’uomo. Questo uno dei passaggi cruciali dell’omelia di monsignor Giuseppe Giudice, vescovo della diocesi Nocera Inferiore-Sarno, nel corso della celebrazione solenne nella basilica di Sant’Alfonso, in onore del santo patrono della città di Pagani.

Dall’esperienza del redentorista, il vescovo ha preso in prestito parole e fatti che ha posto all’attenzione della folta assemblea che ha preso parte alla messa. Un invito a tutti, dalle istituzioni ai fedeli, passando per le parrocchie e i loro sacerdoti.

«Alfonso Maria de’ Liguori è un uomo che non si è fermato nella valle, non ha parlato di misericordia, ma ha accolto la misericordia. Possiamo imparare tanto da questo uomo che ha esercitato la misericordia con estro e fantasia, che non si è rinchiuso in un recinto ecclesiale, ma le sue doti le ha messe al servizio di tutti, da quel giorno che in via dei Tribunali si è accorto che la giustizia umana a volte difetta. Cambia la sua vita e si converte».

Una conversione che il presule auspica anche per l’intero Agro nocerino-sarnese, di cui Sant’Alfonso è co-patrono. «Vogliamo ricostruire le città, vogliamo la pace, che non ci sia la guerra? Bene, bisogna ricostruire l’uomo dal di dentro», le parole di Sua Eccellenza che poi si è rivolto ai sacerdoti che hanno concelebrato con lui. «Nelle nostre comunità, nelle nostre famiglie e città questo criticare, questo continuare a demolire, questo uccidere, questo ferire è presente. E poi attraversiamo la porta della misericordia. Come siamo falsi davanti al Signore. Riprendiamo la confessione, è lì che il Signore ci attende. Raccogliamo questo gesto: le nostre parrocchie non si segnalino solo per gli eventi, ma rimettano al centro il confessionale e l’eucaristia».

Presenti alla celebrazione il sindaco Salvatore Bottone, la sua giunta e alcuni consiglieri comunali, e il consigliere regionale Alberico Gambino che ha donato al superiore Padre Luciano Panella un piccolo gonfalone della Regione.

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi