Luglio 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Origini, mutazioni e trasmissibilità: cosa sappiamo della variante Omicron

Ricercatori sudafricani hanno scoperto un nuovo tipo di coronavirus, l’omicron, con un numero insolitamente alto di mutazioni e ritenuto altamente trasmissibile, causando il panico globale e la cancellazione di molti voli internazionali.

L’Organizzazione mondiale della sanità venerdì lo ha classificato come “preoccupante”. Gli scienziati stanno lavorando 24 ore su 24 per sezionarli e cercare di capire il loro comportamento. Di seguito una breve spiegazione di ciò che è noto, sulla base delle informazioni condivise dai ricercatori sudafricani.

risorse

Al momento non si sa da dove provenga questa variante, ma i ricercatori sudafricani sono stati i primi ad annunciare la scoperta il 25 novembre. Entro quella data, erano stati rilevati casi a Hong Kong e in Botswana. Il giorno dopo, Israele e Belgio hanno seguito l’esempio.

mutazioni

Il 23 novembre, i ricercatori hanno scoperto una nuova variante con “Una straordinaria costellazione di mutazioni”. Alcuni sono noti, altri sono nuovi. Ha rappresentato “il maggior numero di cambiamenti che abbiamo visto finora”, ha detto all’AFP Musa Mushabella, professore e responsabile della ricerca e dell’innovazione presso l’Università di KwaZulu-Natal. “Alcuni sono già stati osservati, come in delta e beta, altri ci sono sconosciuti (…) e non sappiamo come si tradurrà questo insieme di mutazioni”.

ricco di proteine, che è la chiave per l’ingresso del virus nel corpo, i ricercatori hanno osservato più di 30 mutazioni, una netta differenza rispetto ad altre varianti preoccupanti.

portabilità

Il ritmo con cui stanno aumentando i nuovi casi giornalieri di Covid in Sudafrica, la maggior parte dei quali già legati a Omicron, suggerisce che potrebbe essere dovuto alla trasmissibilità della nuova variante.

Il tasso giornaliero di positivi al COVID-19 è aumentato rapidamente Questa settimana, è passato dal 3,6% di mercoledì al 6,5% di giovedì e poi al 9,1% di venerdì, secondo i dati ufficiali. “Alcune delle mutazioni precedentemente espresse hanno dimostrato di consentire al virus di diffondersi facilmente e rapidamente. Per questo motivo, sospettiamo che la nuova variante si diffonda rapidamente”, afferma il professor Mushabella.

READ  Covid-19 : vieillissement accéléré, réduction de la taille, lésions, odorat... On sait désormais ce que l'infection peut provoquer sur le cerveau, même pour un cas léger

Immunologia e vaccini

a giudicare dalla Alcuni casi di reinfezione“Più che nelle precedenti ondate”, è possibile che la variante sia sfuggita all’immunità, secondo Mushabella, che ha basato le sue osservazioni sui primi dati. Ciò potrebbe ridurre l’efficacia dei vaccini, in una misura che non è stata ancora determinata.

la gravità della malattia

che è Il grande sconosciuto. La variante è stata rilevata solo per una settimana, lasciando pochissimo tempo per determinare la gravità clinica dei casi di Omicron.

L’Organizzazione mondiale della sanità venerdì lo ha classificato come “preoccupante”. Gli scienziati stanno lavorando 24 ore su 24 per sezionarli e cercare di capire il loro comportamento. Di seguito una breve spiegazione di ciò che è noto, sulla base delle informazioni condivise dai ricercatori sudafricani. Al momento non è noto da dove provenga questa variante, ma i ricercatori sudafricani sono stati i primi ad annunciare la scoperta il 25 novembre. Entro quella data, erano stati rilevati casi a Hong Kong e in Botswana. Il giorno dopo, seguirono Israele e Belgio e il 23 novembre i ricercatori scoprirono una nuova variante con una “costellazione insolita di mutazioni”. Alcuni sono noti, altri sono nuovi. Ha rappresentato “il maggior numero di cambiamenti che abbiamo visto finora”, ha detto all’AFP Musa Mushabella, professore e responsabile della ricerca e dell’innovazione presso l’Università di KwaZulu-Natal. “Alcuni sono già stati osservati, come in delta e beta, altri ci sono sconosciuti (…) e non sappiamo come si tradurrà questo insieme di mutazioni”. Nella proteina spike, che è la chiave per l’ingresso del virus nel corpo, i ricercatori hanno osservato più di 30 mutazioni, una marcata differenza rispetto ad altre varianti preoccupanti. Il ritmo con cui stanno aumentando i nuovi casi giornalieri di Covid in Sudafrica, la maggior parte dei quali già legati a Omicron, suggerisce che potrebbe essere dovuto alla trasmissibilità della nuova variante, che è aumentata rapidamente questa settimana, dal 3,6% di mercoledì al 6,5% Giovedì e poi il 9,1% venerdì, secondo i dati ufficiali. “Alcune delle mutazioni precedentemente espresse hanno dimostrato di consentire al virus di diffondersi facilmente e rapidamente. Per questo motivo, sospettiamo che la nuova variante si diffonda rapidamente”, afferma il professor Mushabella. A giudicare da alcuni casi di reinfezione, “più che nelle precedenti ondate”, l’alternativa potrebbe sfuggire all’immunità, secondo Mushabella, che ha basato le sue osservazioni sui primi dati. Ciò potrebbe ridurre l’efficacia dei vaccini, in misura ancora da determinare, che è la grande incognita. La variante è stata rilevata solo per una settimana, lasciando pochissimo tempo per determinare la gravità clinica dei casi di Omicron.

READ  Ne manquez pas notre live événement du 17 mars sur le télescope spaziale Webb