Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Origine della vita sulla Terra: il campione di asteroide potrebbe contenere la risposta

Origine della vita sulla Terra: il campione di asteroide potrebbe contenere la risposta
Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inglese

La chiave della vita sulla Terra si trova in questi pochi granelli di polvere nera di asteroidi? Gli scienziati del Museo di Storia Naturale di Londra sperano di trovare la risposta.

annuncio

Parte della polvere è esposta al Museo di Storia Naturale di Londra. Aspetta, non andartene, non è solo un granello di polvere.

Questo è un campione di asteroide che contiene indizi sulle origini della vita sulla Terra e sulla possibilità che finisca. Ho la tua attenzione?

Bennu è un asteroide vicino alla Terra Che ruota anch’esso attorno al sole. Viaggia a una distanza di circa 120 milioni di chilometri da noi, ma questo non ha impedito alla missione spaziale della NASA di provare a comunicare.

Dopo un viaggio durato più di sette anni, la missione OSIRIS-REx è riuscita a prelevare un campione da Bennu e a tornare sulla Terra, atterrando nello Utah, negli Stati Uniti. Gli scienziati ritengono che il campione prelevato dall’asteroide potrebbe essere”Una capsula del tempo intatta dall’inizio del sistema solare“Potrebbe aiutarci a capire come si è formata la Terra e le origini della vita.

101955 Bennu – il suo nome completo – prende il nome dal leggendario uccello Antico Egitto, associato al dio del sole Ra, creazione e nascita. Il Bennu egiziano è spesso considerato l’ispirazione per la leggenda della Fenice.

Si ritiene che Bennu si sia formato durante la formazione della Via Lattea 4,56 miliardi di anni fa. Quando si formò il Sole, si verificò una reazione a catena, che generò numerose molecole e sostanze chimiche e creò dischi che orbitavano ad anello attorno al Sole.

READ  La PS5 da €429 torna su Coolblue: non perdere questa occasione d'oro!

In questi dischi protoplanetari, materiali come acqua e ferro si sono formati in ammassi più grandi, che alla fine si sono uniti per formare pianeti. Gli scienziati ritengono che Bennu potrebbe essere un esempio di una delle prime masse create da questo fenomeno, prima della formazione dei pianeti nel nostro sistema solare.

L’entusiasmo che circonda lo studio di questo potenziale elemento costitutivo della Terra è evidente nei commenti della dottoressa Ashley King, ricercatrice di meteoriti presso… Museo di Storia Naturale Gran Bretagna. “Assomiglia un po’ ai mattoni originali del nostro sistema solare.“, lui spiega.

Quando pensiamo alla composizione della Terra, tutti gli ingredienti sono presenti anche in Bennu. Vogliamo quindi svelare la storia di Bennu e saperne di più sull’origine del sistema solare e sulla storia della Terra“, vestito di Ashley King.

Normalmente gli scienziati possono studiare solo i meteoriti, cioè gli asteroidi che cadono sulla Terra. Questi ultimi però vengono irrimediabilmente modificati dal contatto con l’atmosfera terrestre. Essere in grado di studiare un campione di asteroide nello spazio significa che le condizioni sono più primitive e consente di trarre conclusioni migliori.

Riteniamo che questo campione provenga dal tipo di asteroide che potrebbe essere la fonte d’acqua che raggiunge la Terra“, spiega Helena Bates, ricercatrice del Museo di Storia Naturale. E continua: “Quando la Terra si formò, l’ambiente era completamente secco e crediamo che l’acqua sia stata importata da una fonte extraterrestre ad un certo punto durante la successiva evoluzione della Terra. Pensiamo che Bennu possa essere un rappresentante del tipo di asteroide che ha portato l’acqua sulla Terra“.

READ  Anteprima del boss mondiale Aurostor: combattimento e ricompense - World of Warcraft

Ma non è solo l’acqua che cercano. Sono in corso anche ricerche sui composti organici – molecole contenenti carbonio – che potrebbero essere all’origine della vita sulla Terra.

Ma se Benno è generoso, non è meno pericoloso. L’asteroide è uno degli asteroidi più attentamente monitorati dell’intero sistema solare.

Bennu orbita attorno al Sole in modo molto simile all’orbita terrestre. Ciò significa che gli scienziati molte volte Aspettatelo Può entrare in contatto con il nostro pianeta.

L’attuale migliore stima di un possibile impatto è per una collisione diretta tra il 2175 e il 2300, con una probabilità dello 0,037%.

Quindi non è un evento molto probabile. Ma se ciò accadesse, i risultati sarebbero devastanti. La collisione produrrebbe l’equivalente di oltre 1.200 megatoni di TNT, più di 20 volte la potenza della Bomba Zar, l’arma nucleare più potente mai testata.