Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ordine di silenzio per far rispettare la legge 15 che istituisce l’agenzia Santé Québec

Ordine di silenzio per far rispettare la legge 15 che istituisce l’agenzia Santé Québec

Il governo Legault ha finalmente deciso di adottare un decreto per forzare l’adozione del disegno di legge n. 15 sulla sanità. Quindi, l’imponente disegno di legge da 1.180 articoli sarà imposto sabato in Parlamento con un ordine di silenzio.

«Senta, Christian Dube ascolta le proposte dell’opposizione da 238 ore, crede che ce ne voglia ancora?», ha giustificato il primo ministro François Legault prima del periodo delle domande.

Un ordine di silenzio è una misura straordinaria con la quale il governo costringe i funzionari eletti a continuare a studiare il disegno di legge in modo rapido e ininterrotto fino a quando non potrà essere adottato.

Ciò costringerà i rappresentanti a sedersi fino a tardi questa sera, o addirittura stasera, con l’obiettivo di approvarlo sabato, anch’esso tardi. Il provvedimento dovrebbe essere varato venerdì pomeriggio nel corso di una sessione straordinaria del Parlamento.

L’opposizione ha condannato fermamente il ricorso all’ordine di silenzio. “Il risultato sarà il licenziamento della rete”, ha detto il portavoce liberale della sanità Andre Fortin.

Parlando della “ghigliottina parlamentare”, il deputato di Solidarnosc Vincent Marisal ha affermato che la commissione per il controllo della qualità è l’unica responsabile della mancanza di tempo, dato il gran numero di emendamenti presentati dal ministro negli ultimi mesi.

Il suo collega laburista Joel Arsenault ha notato che i funzionari eletti non hanno avuto abbastanza tempo per affrontare alcuni argomenti come l’assistenza preospedaliera di emergenza, e ha affermato che il governo stava ancora presentando emendamenti al disegno di legge alla fine della giornata di giovedì.

Questa non è la prima volta che la Coalizione per il Quebec (CAQ) impone l’adozione di un disegno di legge sotto silenzio. Durante il primo mandato, l’ha utilizzata quattro volte, in particolare per il Secularism Act e il Quebec Water Rates Deregulation Act.

READ  Olivier Guyat (Famiglie numerose) "Transformer": il suo grande cambiamento fisico è stato rivelato e i netizen sono rimasti sbalorditi

“È ora di agire”

Il disegno di legge 15 prevede un’ampia riforma del sistema sanitario incentrata sulla creazione di un’agenzia (Santé Québec) che coordinerà tutte le operazioni della rete. Modifica anche la gerarchia medica nelle strutture e il ruolo dei dirigenti. Cambiamenti che, secondo il Ministro Dube, permetteranno ai pazienti di avere un accesso più rapido alle cure nei pronto soccorso e in chirurgia in particolare.

Venerdì, il ministro ha perso la pazienza per un raro periodo quando i giornalisti lo hanno interrogato sull’ordine di silenzio. “Sono un po’ stanco di vedere cosa sta succedendo nella nostra rete. Le persone aspettano al pronto soccorso e stanno morendo al pronto soccorso. […] Sono stanco di questo. »

All’inizio di questa settimana, la Commissione elettorale centrale ha proposto all’opposizione di prolungare la sessione di qualche giorno per adottarla giovedì o venerdì. Offerte che alla fine furono respinte dal Parti Québécois.

Anche se il governo ha la maggioranza, il Codice di procedura parlamentare richiede che la maggioranza del CAQ ottenga l’approvazione di tutti i parlamentari (e gli oppositori) e quindi modifichi l’ordine del giorno dell’Assemblea nazionale.

Il ministro della Sanità Christian Dube ha dichiarato all’inizio di agosto di essere determinato ad adottare il disegno di legge 15 prima della pausa, affinché le attività dell’agenzia possano iniziare rapidamente nel 2024. “È ora di agire”, ha aggiunto. ha detto durante il periodo delle domande venerdì mattina.

Mentre Dube veniva attaccato da tutte le parti, il leader del CAQ Simon Jolin-Barrette lo ha difeso, dicendo che si sveglia ogni mattina alla ricerca di come migliorare le cose. “Cooperazione con noi. Il popolo del Quebec, questo è quello che vuole. Vogliono che tu ci aiuti.”

READ  La città ha mobilitato la salute mentale, un importante problema di salute pubblica » Messaggio economico e politico del GCAA

Seguiranno maggiori dettagli.

Da vedere in video