Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’IPCC non ha ragione e la scienza si sta evolvendo!

L’IPCC non ha ragione e la scienza si sta evolvendo!

Guardi, la questione non è se abbiamo o meno problemi di inquinamento. Ne abbiamo alcuni.

Indiscutibile.

Basta stare lungo una strada trafficata e inalare i buoni fumi di scarico emanati dai nostri motori diesel per convincersene.

Inquinamento ovunque.

Dobbiamo fare meglio.

Il problema è che l’anidride carbonica è diventata l’alfa e l’omega e i dati dell’IPCC non possono mai essere contestati.

Sono la verità.

Come sempre, quando diciamo che un argomento non può essere discusso, questo è sospetto!

I nuovi studi semplicemente rendono obsoleti i modelli dell’IPCC.

E ‘normale.

La scienza cambia, sviluppa, perfeziona, affina o corregge.

L’oceano sta assorbendo più anidride carbonica del previsto grazie al plancton

“Un team internazionale di ricercatori, tra cui uno scienziato di Brest (Finisterre), pubblica un articolo sulla prestigiosa rivista Nature. Secondo le loro conclusioni, l’oceano cattura più anidride carbonica del previsto grazie al plancton. Ma il cambiamento climatico minaccia questa pompa naturale .

Mentre la Cop28 è in pieno svolgimento a Dubai, tutti gli occhi sono puntati sulle emissioni di carbonio. Per combattere questi problemi, i pozzi naturali intrappolano l’anidride carbonica. Le foreste sono sicuramente le più famose. Ma anche l’oceano gioca un ruolo significativo: cattura circa il 30% dell’anidride carbonica emessa dall’uomo, secondo il Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS).

Combina due fenomeni. La prima è la pompa fisica del carbonio: enormi quantità di acqua si muovono in tutto il mondo grazie alle correnti. Quando l’acqua superficiale scende in profondità, porta con sé carbonio.

L’altra è una pompa biologica. È costituito principalmente da plancton che vive in superficie. La parte che non viene mangiata affonda. Ciò dà una nuvola di plancton bianco morto, che chiamiamo neve marina. Questo si deposita sul fondo dell’oceano e rimane immagazzinato per decine di migliaia di anni, spiega Frédéric Le Moyne, ricercatore del CNRS al LEMAR (Laboratorio di scienze marine dell’ambiente) del Tecnopolo di Plouzané (Finistère).

READ  7 domande sul paradosso

Il ruolo dell’oceano è più importante di quanto si pensasse in precedenza, secondo un nuovo studio apparso sulla rivista Nature, al quale ha partecipato un ricercatore del Finistère.

Nel precedente rapporto del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), del 2021, si sottolineava il ruolo degli oceani, ma le misurazioni erano imprecise. Le stime risalgono all’inizio del 2010. Si aggiravano tra 5 e 20 gigatonnellate all’anno. Dal punto di vista scientifico, una varianza del 400% non è l’ideale, sottolinea il ricercatore.

Secondo il nuovo studio, il calcolo è più preciso: la pompa biologica dell’oceano cattura 15 gigatonnellate ogni anno, più o meno una gigatonnellata, come precisa Frédéric Le Moine. È anche il 20% in più rispetto alla media calcolata dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici, che è di 11 gigatonnellate. »

Quindi da queste informazioni si può vedere che i dati IPCC non possono essere scolpiti nella pietra e che i dati IPCC contengono ampi margini di errore.

Andiamo oltre adesso!

Se aumentiamo il plancton nei mari, aumentiamo la nostra capacità di catturare l’anidride carbonica e quindi di fissarla.

Quindi dovremo “plancton” plancton!!

Quello che voglio dirti non è che non dovresti fare nulla!

Questo perché dobbiamo applicare ancora una volta l’equazione del buon senso.

Bussa.

Ripetilo.

Diffondetelo ampiamente, amici miei.

Utilizzare la contro-propaganda per proteggere i nostri figli dalla devastante ansia climatica.

Dobbiamo lasciare un pianeta in buone condizioni per i nostri figli, e i nostri figli in buona salute per il pianeta.

Moriremo tutti un giorno, ma tutti speriamo che ciò accada il prima possibile, e forse non in condizioni di orribile sofferenza climatica che solo le tasse e i limiti alle nostre libertà possono alleviare!

READ  Il minuto straordinario: gli scienziati hanno lanciato 350.757 monete per dimostrare che testa o coda non sono 50/50

Breve.

Non avere paura !

Carlo Sanat

“Questo è un articolo ‘presslib’, cioè non può essere copiato, in tutto o in parte, a condizione che questo paragrafo venga riprodotto successivamente. Insolentiae.com è il sito dove Charles Sannat parla quotidianamente e fornisce analisi impudenti e senza compromessi delle notizie economiche. Grazie per la visita mio sito. Puoi iscriverti gratuitamente alla newsletter quotidiana su www.insolentiae.com. »

fonte? Complotiste Ouest-France sta conducendo uno studio con il Centro nazionale per la ricerca scientifica… qui