Agosto 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Omicron: più di 4.500 voli in tutto il mondo sono stati cancellati la vigilia di Natale

Le compagnie aeree hanno cancellato più di 4.500 voli mentre migliaia di voli sono stati ritardati in tutto il mondo durante il fine settimana di Natale, a causa della variante Omicron del Covid-19 che ha interrotto i viaggi di vacanza.

Secondo il sito Flightaware, alle 07:20 GMT di sabato ci sono state almeno 2.000 cancellazioni, di cui 700 collegate agli Stati Uniti, sia internazionali che nazionali, e oltre 1.500 ritardi.

Venerdì sono state identificate circa 2.400 cancellazioni e circa 11.000 ritardi secondo la stessa fonte che ha già oltre 600 cancellazioni previste per domenica.

Piloti, assistenti di volo e altro personale sono stati costretti alla quarantena dopo essere stati esposti al Covid, costringendo Lufthansa, Delta e United Airlines a cancellare i voli.

Secondo Flightaware, United Airlines ha dovuto cancellare circa 200 voli venerdì e sabato, ovvero il 10% di quelli programmati.

“Il picco di casi di Omicron in tutto il paese questa settimana ha avuto un impatto diretto sui nostri equipaggi e sulle persone che gestiscono le nostre operazioni”, ha affermato la società statunitense, che ha affermato che stava lavorando per trovare soluzioni per i viaggiatori interessati.

Anche Delta Air Lines ha cancellato 260 voli sabato e 170 il giorno prima, sempre secondo Flightaware, citando sia Omicron che, occasionalmente, condizioni meteorologiche avverse. “I team Delta hanno esaurito tutte le opzioni e le risorse” prima di raggiungere queste cancellazioni, afferma la compagnia aerea.

Cancellati anche più di una dozzina di voli in Alaska, i cui dipendenti hanno affermato di essere “potenzialmente esposti al virus” e di doversi autoisolare in quarantena.

Le aziende cinesi più colpite

Le compagnie aeree cinesi sono state responsabili della maggior parte delle cancellazioni: China Eastern ha tagliato circa 480 voli, ovvero più del 20% del suo programma di voli, mentre Air China ha cancellato il 15% dei suoi voli di linea.

READ  Voiture électrique: ce n'est pas rentable, à moins d'accumuler les kilomètres! (COMPARATO)

Queste cancellazioni stanno ostacolando la voglia di riprendere a viaggiare quest’anno per le vacanze, dopo il Natale 2020, duramente colpito dalla pandemia.

Secondo le stime dell’American Automobile Association, più di 109 milioni di americani avrebbero dovuto lasciare le loro immediate vicinanze in aereo, treno o auto tra il 23 dicembre e il 2 gennaio, un aumento del 34% rispetto alla cifra dello scorso anno.

Fortunatamente, questi disordini non hanno avuto conseguenze per il tour di Babbo Natale, che il North American Aerospace Defense Command (NORAD) ha seguito meticolosamente per 63 anni.

“Le cose stanno andando così bene finora, Babbo Natale ha distribuito 2 miliardi di doni ed è ora sul Pakistan”, ha detto all’AFP il maggiore generale Eric Kenny, comandante del NORAD.