Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Non capiamo cosa dice Isabelle”: ha sfidato Hubert sul palco o quando un membro del pubblico ha dichiarato il suo disaccordo

“Non capiamo cosa dice Isabelle”: ha sfidato Hubert sul palco o quando un membro del pubblico ha dichiarato il suo disaccordo

L'interrogatorio finale di Isabelle Huppert da parte di uno spettatore in un teatro parigino mette in discussione la posizione del pubblico durante lo spettacolo e le sue complesse reazioni a spettacoli confusi e persino trasgressivi.

Nelle ultime settimane, l'attrice protagonista ha interpretato Berenice, uno dei personaggi principali del repertorio di Racine, al Sarah Bernhardt Theater.

Durante uno degli spettacoli, un uomo si è rivolto a lei e ha detto: “Non capiamo quello che dici, Isabelle”, secondo i commenti riportati da giornali e siti di social media e confermati dall'Agence France-Presse. L’attrice però ha insistito.

C'è qualche dubbio sulle ovvie scelte registiche di Romeo Castellucci?

Quest'ultimo è noto per le sue proposte controverse, spesso lontane dal testo originale. Questa volta, ha notato l'Agence France-Presse, ha deciso di ripetere solo i monologhi di Berenice, con una tirata in cui la voce è talvolta modificata da un computer o segnata da balbettii volontari.

“Dalla fine del XIX secolo, il rispetto per l'opera e per gli artisti era la norma. Pertanto, divenne obbligatorio il silenzio e le manifestazioni pubbliche furono rinviate fino alla fine dello spettacolo”, ricorda Alice Volkow, docente di arti drammatiche alla Columbia University. Grenoble.

Tuttavia, Florence Nogret, docente di storia e teoria del teatro alla Sorbona, mette la cosa in prospettiva: “Il teatro, precisamente, è il luogo in cui gli attori si rivelano. Questo è ciò che li rende vulnerabili, anche quando sono ampiamente riconosciuti”.

“Lo spettacolo dal vivo, per definizione, comporta questo rischio: temiamo per il ballerino che cada, per l'attore che perda la memoria o venga arrestato. Uno spettacolo in cui questo rischio non esiste più, non esiste più.” aggiunge: “Il teatro è cinema”.

READ  Come e perché la loro portata migliorerà la strategia digitale del tuo sito preferito

Il direttore del Sarah Bernhardt Theatre, Emmanuel DeMarcy Motta, ha confermato che Isabelle Huppert “non si è preoccupata affatto”, riferendosi a un “passo falso” di una “persona sola”.

Isabelle Hubert: “Il cinema è più importante di ogni altra cosa”

Il teatro come “arena”

Secondo lui, un incidente del genere è accaduto solo una volta su una ventina di spettacoli.

Ma “è importante prevenire ogni forma di autocensura, sia per l'artista che teme di essere messo in discussione, sia per il pubblico che vuole riportare Racine a sé e censurare le forme artistiche”. Si aspettava di vedere.

Questa è la posizione che assume Romeo Castellucci. Nel 2019, ha detto all'AFP: “Non andiamo a teatro o all'opera per vedere quello che già sappiamo”, ma ha rifiutato il termine “provocazione”.

Queste reazioni potrebbero “unirsi al malcontento che attanaglia una parte del pubblico quando si toccano i classici degli anni Sessanta”, sia “nella critica (ndr) che nella produzione”, suggerisce Olivier Goetz, docente di studi teatrali all'Università di California. Università di Lorena.

“The Syndicate”: Isabelle Huppert, troppo vecchia per questo ruolo, ma diabolicamente misteriosa…

Tuttavia, simili manifestazioni pubbliche non sono una novità, sottolinea Jean-Claude Yon, storico del teatro e direttore degli studi all'École Pratique des Hautes Études. “Fin dal XVII secolo in Francia, il teatro è un’arena in cui gli artisti anticipano le reazioni del pubblico”.

Il pubblico si calmò soltanto “tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, nel momento in cui il teatro divenne un’attività riservata a una certa élite”, ha detto, spiegando che ciò coincide con “il momento in cui cominciamo a rendere la stanza buia.

READ  "Florent Bagni e Johnny Hallyday, sono anche loro figli?"

Questi avvenimenti non pregiudicano il successo dell'opera: “Bérénice ha fatto il tutto esaurito in fretta” ed è partita per una tournée internazionale prima di essere riproposta a Parigi “la prossima stagione, perché la domanda è molto forte”, ha dichiarato Demarcy Motta. .