Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Neve in montagna: un limite fluttuante di pioggia e neve prima che il tempo sia più favorevole

La neve era attesa soprattutto nei comprensori sciistici, visto il lungo periodo secco e il clima molto mite da metà dicembre a bassa e media quota. La tabella sottostante riassume gli accumuli nevosi caduti sui nostri massicci maggiori tra domenica e lunedì.


© Il canale meteorologico

Una serie di magie e caldi ristori questa settimana in montagna

Nel corso della settimana le perturbazioni si diffonderanno in un’ampia metà settentrionale del Paese in un flusso oceanico. In funzione di queste perturbazioni vedremo la massa d’aria fluttuare in alto con aria temperata transitante nei settori caldi delle perturbazioni (aria di origine subtropicale) e aria più fresca dietro i fronti. perturbazioni (aria marina polare). Dopo l’inizio freddo della settimana, l’aria moderata tornerà a salire martedì sera alle nostre quote, con una temperatura che salirà a 1800 metri sulle Alpi del Nord la prossima notte fino alle ore 12 di mercoledì. Dopo che il fronte freddo avrà superato la perturbazione in chiusura di giornata di mercoledì, il limite delle precipitazioni e della neve diminuirà tra i 1.300 ei 1.700 metri di giovedì e venerdì. Un forte disgelo si verificherà quindi tra mezzogiorno di sabato e domenica con una temperatura di 0°C in aumento a oltre 2.000 metri sul livello del mare. Un netto raffreddamento si verificherà verso la fine della settimana con il flusso in direzione nord-ovest.


Pioggia e neve fluttuano nelle Alpi © Il canale meteorologico

Questa elevata volatilità di pioggia, neve e ondate di caldo a cascata non sarà appropriata per le località di bassa e media quota questa settimana. Con l’aumento delle temperature e delle piogge, la neve naturale dovrebbe scomparire al di sotto dei 1.400 metri. I comprensori sciistici sopra i 1800 metri continueranno ad essere preferiti per sciare in buone condizioni di neve.

READ  Sono state scoperte cinque nuove specie di corallo nero che vivono nelle profondità della Grande Barriera Corallina

Buona affidabilità per trovare una posizione favorevole alle nevicate a qualsiasi quota nella prossima settimana

Il nostro modello di previsione Météo Consult, come la stragrande maggioranza dei modelli statunitensi ed europei, prevede quale tempo porterà alla neve in montagna nella prima parte della prossima settimana. Con un calo della pressione da nord-ovest, aria fredda e umida interesserà la Francia tra lunedì e mercoledì prossimi. Diversi nevicate interesseranno le nostre montagne con un limite medio previsto di pioggia e neve di 500-600m sulle quote orientali e Massiccio-Centrali, 700-800m sui Pirenei. Rimane l’incertezza circa l’altezza esatta di questa precipitazione e limite di neve e attività di disturbo. Non possiamo ancora dire le quantità di neve previste, ma la situazione è favorevole per la maggior parte dei nostri massicci per ricevere una quantità di neve abbastanza grande.

Nella seconda parte della settimana può tornare aria un po’ più fresca con un flusso che si sposta verso ovest. Il limite di pioggia e neve può variare tra i 1.000 ei 1.500 metri, ma l’affidabilità è ancora limitata in questo momento.