Maggio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nell’universo si è verificato un fenomeno incredibile, un pianeta è stato inghiottito da una stella! (video)

Nell’universo si è verificato un fenomeno incredibile, un pianeta è stato inghiottito da una stella!  (video)

Quest’ultimo aveva già rilevato le premesse e le conseguenze di tale evento. afferma Kechalai D, borsista post-dottorato presso il Kavli Institute del MIT e primo autore di uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

A proposito, questo è ciò che attende la Terra, ma tra circa 5 miliardi di anni, quando il Sole si avvicina alla fine della sua esistenza come nana gialla, si gonfierà in una gigante rossa. Nella migliore delle ipotesi, le sue dimensioni e la sua temperatura trasformerebbero il pianeta blu in una grande roccia fusa. Nel peggiore dei casi, scomparirà con il suo corpo e starà bene.

Tutto è iniziato nel maggio 2020, quando Kechalai D, con una speciale fotocamera del Caltech Observatory, ha notato una stella che ha iniziato a brillare cento volte più luminosa del solito per una decina di giorni. Si trova nella galassia, a circa 12.000 anni luce dalla Terra.

Quindi si aspetta, perché è quello che sta cercando, di osservare un sistema stellare binario, in cui due stelle sono in orbita l’una attorno all’altra. Più grande strappa l’involucro dell’accendino, più luce emette ad ogni morso.

“Sembrava una fusione di stelle”, dice l’astronomo durante un briefing con i coautori dello studio, che si basa su Harvard-Smithsonian e INATech, due istituti di ricerca americani. Ma l’analisi della luce della stella rivelerà nubi di particelle troppo fredde per provenire da fusioni stellari.

READ  psicologia. Sei sotto influenza psicologica? Questi segni non ingannano

Soprattutto, il team determinerà che la stella, “simile al sole”, ha rilasciato mille volte meno energia di quanto ci si aspetterebbe se si fondesse con un’altra stella. Questa quantità di energia rilevata corrisponde a quella di un pianeta come Giove.

Fine rapida

Su scala cosmica, calcolata in miliardi di anni, la sua fine è stata molto rapida. Tanto più che era “così vicino alla stella che l’ha aggirata in meno di un giorno”, secondo Mr. D.

Le osservazioni indicano che l’atmosfera del pianeta è stata lacerata dalle forze gravitazionali della stella per alcuni mesi al massimo prima di essere assorbita. Questa è l’ultima fase, che ha prodotto un bagliore luminoso per circa dieci giorni.

“La stella inghiotte qualcosa di molto più freddo della sua superficie, diverse migliaia di gradi”, spiega Miguel Montargues, astrofisico al LESIA dell’Osservatorio Paris-PSL, “come se mettessi un cubetto di ghiaccio in una pentola bollente, è meglio non farlo , a causa dello scambio termico”.

In questa interazione, la stella ha rilasciato grandi nubi di gas nello spazio interstellare, che poi si sono raffreddate per diversi mesi trasformandosi in nubi di polvere.

La digestione è andata bene, secondo Morgan MacLeod, coautore dello studio e astrofisico presso l’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics. Ha detto che gli scienziati hanno poi visto “la stella contrarsi lentamente e tornare alle sue dimensioni precedenti”.

Gli astronomi stimano che un tale evento potrebbe verificarsi più volte all’anno nella nostra galassia, che comprende almeno cento miliardi di stelle e forse almeno altrettanti pianeti.

READ  Mac Lesggy spiega gli effetti del peperoncino sulla salute
-->

Secondo Montargis, “è probabile che ora che abbiamo osservato questo evento, osserveremo molti altri eventi e tutti questi eventi ci aiuteranno a comprendere meglio il futuro del sistema solare”.