Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Legion d’Onore è stata assegnata a Jean-Claude Kneipp, ex direttore degli Ospedali di Sargeomaine

La Legion d’Onore è stata assegnata a Jean-Claude Kneipp, ex direttore degli Ospedali di Sargeomaine

Jean-Claude Kneipp ha diretto gli ospedali di Sarreguemines per 13 anni, fino alla sua scomparsa nel luglio 2022. I suoi 39 anni di carriera sono stati ricordati dal ministro della Salute François Browne. Gli diede un distintivo di Cavaliere della Legion d’Onore Nazionale.

par Aurélie Cline
05:00 | Aggiornato alle 22:21

Da Pontarlier al Territoire de Belfort, passando per Thann Cernay, Haguenau, Langres, poi Sarreguemines, dove Jean-Claude Kneib gestisce ospedali da 13 anni. “Ogni cambio di lavoro è stato come una nuova vita per me, un nuovo inizio”, dice.

La sua carriera è stata tracciata e onorata dal Ministro della Salute, François Braun, che gli ha conferito il distintivo di Cavaliere dell’Ordine Nazionale della Legion d’Onore, nella Prefettura di Metz.

“il sogno di un bambino”

La carriera di Jean-Claude Kneipp è soprattutto una storia di passione e missione. “Una scelta personale, ponderata e ferma, imposta fin dai primi anni del liceo”.

Ha assunto la sua prima posizione nel 1984, come vicedirettore presso il Centro ospedaliero di Pontarlier. “Incontriamo spesso bambini che sognano di diventare astronauti o star del cinema, figuriamoci amministratori di ospedali. Tuttavia, questo lavoro era il tuo sogno d’infanzia”, ​​ha affermato il ministro François Brown, riferendosi ai 39 anni di impegno di Jean-Claude Kneipp. un vero evangelizzatore della salute”. Generale, e guida la tua barca secondo i progetti, le costruzioni e le ristrutturazioni che ti sono state affidate. »

Ritorno in patria

Nel 2009, Jean-Claude Kneipp è tornato nel suo paese d’origine e ha assunto la direzione degli ospedali di Sargeumenne. “Nonostante il complesso contesto di desertificazione medica, ti sei posto l’obiettivo di rafforzare il sistema ospedaliero pubblico […] Hai tutto il tempo per sviluppare questa visione discontinua e sistemica della salute. Oltre agli ospedali di Sarreguemines, Jean-Claude Kneipp dirige il gruppo di collaborazione sanitaria della città, la casa di cura Puttelange-aux-Lacs e il gruppo ospedaliero distrettuale Moselle-Est.

READ  Venerdì in Guadalupa si è tenuta la prima conferenza caraibica sulla salute mentale

Gli ultimi due anni di pratica a Sarreguemines sono stati segnati da una crisi sanitaria. “Con i vostri team, avete investito instancabilmente nell’accoglienza, nella cura e nel salvataggio di un numero crescente di pazienti durante le ondate della pandemia e partecipando all’attuazione della vaccinazione”.

“L’ospedale è fragile”

Investire nell’interesse dei pazienti e nella qualità delle cure fornite è stata la linea di condotta di Jean-Claude Kneipp. “La conoscenza dell’ospedale è necessariamente passata attraverso il dialogo con la professione medica”, ricordando la sua “fame di attrezzature mediche”, le sue innumerevoli ore dedicate ai servizi, il suo metodo di gestione. Nel corso della mia carriera, ho lavorato per mantenere e migliorare questi equilibri nonostante gli sconvolgimenti e le crisi. L’ospedale è fragile, va guardato come latte in fiamme. »

Il Dr. Farid Arezky ha ricevuto l’Ordine Nazionale al Merito

Un’altra personalità del Centro Ospedaliero di Sarreguemines va distinta: il DottS Farid Arezky, anestesista e rianimatore. È stato insignito del Distintivo di Cavaliere dell’Ordine Nazionale al Merito. Il ministro della Salute ha ricordato il suo impegno esemplare durante la prima ondata di Covid. “Hai subito alzato la testa di fronte a una malattia sconosciuta e misteriosa. Quando la tempesta si è abbattuta sull’ospedale, hai assunto il tuo ruolo di capitano”.

Il dott. è consideratoS Arezky, presidente del comitato fondatore medico, ha partecipato a molteplici riunioni di crisi. “Siete stati in grado di motivare i vostri team”, convertendo le unità per aggiungere letti di rianimazione, coordinando i trasferimenti dei pazienti…

Nel suo lavoro Ospedale, incertezza e speranzaE DottS Arezky ripercorre i 60 giorni di crisi e l’importanza di rafforzare l’ospedale generale. Si è formato in medicina in Algeria e si è specializzato in anestesiologia e rianimazione a Strasburgo, prima di iniziare la sua carriera all’ospedale di Sarreguemines. Non l’ha mai più lasciata.

READ  Donazione di midollo osseo: la ricerca dei giovani - A la une

Questa medaglia la condivide con i suoi “caregiver in prima linea a grande rischio”, i suoi colleghi medici e di servizio, i membri dell’Unità di Crisi e soprattutto i suoi parenti.

AK