Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Nello Yemen, gli Houthi stanno pagando il prezzo dei loro numerosi attacchi nel Mar Rosso: “Questi attacchi mirati sono un messaggio chiaro”.

Nello Yemen, gli Houthi stanno pagando il prezzo dei loro numerosi attacchi nel Mar Rosso: “Questi attacchi mirati sono un messaggio chiaro”.

Un totale di settantatré raid. I bombardamenti mirati effettuati venerdì da Stati Uniti e Regno Unito nello Yemen, con il sostegno dei loro alleati, hanno riacceso i timori di un'espansione regionale della guerra tra Israele e il movimento palestinese di Hamas nella Striscia di Gaza. Tuttavia, per cercare di fermare una tale escalation in questo conflitto specifico, questi paesi hanno preso di mira i siti di lancio di droni e missili Houthi e le infrastrutture di monitoraggio radar. Questa milizia legata all’Iran interrompe da settimane il traffico marittimo nel Mar Rosso prendendo di mira le navi commerciali collegate o dirette a Israele, dimostrando così il suo dichiarato sostegno ai palestinesi e ad Hamas.

Secondo Washington, le forze Houthi hanno effettuato 27 attacchi contro imbarcazioni che attraversavano lo stretto di Bab al-Mandab, la porta del Mar Rosso. La situazione è arrivata a un punto tale che le principali compagnie di navigazione hanno recentemente deciso di evitare la regione, il che ha di fatto aumentato i prezzi e i tempi di viaggio tra l’Asia e l’Europa (attraverso il Capo di Buona Speranza) aumentando al contempo il rischio di una maggiore inflazione globale.

L'attacco più ambizioso

I missili lanciati da aerei, imbarcazioni e sottomarini hanno colpito obiettivi nella capitale Sanaa e nei governatorati costieri di Taiz, Hodeidah e Hajjah (tutti sul Mar Rosso), nonché la roccaforte di Saada, adiacente alla milizia Houthi. nello Yemen settentrionale. Controlla gran parte del territorio yemenita dalla guerra (ancora in corso) contro il governo iniziata nel 2014, sulla scia della “Primavera araba”.

Attacchi Houthi nel Mar Rosso.

Ore prima che gli attacchi venissero effettuati, l’esercito americano ha dichiarato giovedì che gli Houthi avevano lanciato un missile balistico antinave sulle rotte marittime internazionali nel Golfo di Aden. Due giorni fa, la milizia ha effettuato il suo attacco più ambizioso alle linee marittime con diciotto droni e tre missili, che è stato intercettato dalle forze militari della coalizione che venerdì hanno lanciato un contrattacco. Questa misura comprende dieci paesi (tra cui Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Canada, Australia e Bahrein) e differisce da quelle stabilite a dicembre come parte dell’operazione Prosperity Guardian volta a proteggere il Mar Rosso.

READ  La guerra in Ucraina: la Russia vuole annettere il territorio

Ha aggiunto: “Questi attacchi mirati sono un messaggio chiaro (che) gli Stati Uniti e i nostri partner non tollereranno attacchi alle nostre forze (e) non permetteranno a parti ostili di mettere a repentaglio la libertà di navigazione lungo le rotte commerciali più importanti del mondo”.Lo ha annunciato il presidente americano Joe Biden, riferendosi a “azione difensiva” Dichiara di essere pronto a ricominciare da capo se necessario.

“Non vi è alcun pericolo per la navigazione”

Ha aggiunto: “Non vi è alcuna giustificazione per questa aggressione contro lo Yemen, poiché non esiste alcuna minaccia alla navigazione internazionale nel Mar Rosso […]L'obiettivo erano e rimarranno le navi israeliane o quelle dirette ai porti della Palestina occupata.In risposta, il portavoce Houthi ha risposto in un messaggio sul sito X (ex Twitter), promettendo che questa aggressione non passerà “senza una risposta”.

Il Sultanato dell’Oman, che funge da mediatore tra gli Houthi e il governo yemenita, ha affermato di deplorare questo “ricorso all’azione militare da parte di paesi amici”.