Gennaio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Naufragio nel Canale della Manica: Mary, 24 anni, voleva fare una sorpresa al fidanzato

Ora conosciamo il volto di una delle 27 vittime del fatale naufragio avvenuto pochi giorni fa nella Manica. Maryam, 24 anni, del Kurdistan iracheno, ha voluto fare una sorpresa al suo fidanzato con sede in Gran Bretagna. Ho provato più volte a ottenere un visto per l’Inghilterra prima di tentare questo attraversamento illegale.

Il suo nome era Maria. Aveva 24 anni. Si sarebbe unita al marito Carson, che si era già stabilito in Gran Bretagna. Aveva intenzione di sorprenderlo, ma quando la sua barca ha iniziato a inzupparsi d’acqua, lo ha informato al telefono prima che la chiamata venisse interrotta.

È stato suo marito a chiamare la famiglia nel Kurdistan iracheno per informarli della sua morte. A casa del defunto, centinaia di parenti si sono riuniti in suo onore. La madre della vittima colpita si rifiuta di parlare con i media.

Voleva una vita migliore in Gran Bretagna. È finita in mare

Suo padre dice di aver parlato al telefono con sua figlia poche ore prima della tragedia. “Non avevo idea che se ne sarebbe andata illegalmente e quando le ho parlato era molto felice e sollevata. Era in un hotel in Francia. Voleva una vita migliore in Gran Bretagna. È finita in maredice Nouri Hama Amin.

Secondo la sua famiglia, Mary ha tentato di entrare legalmente nel Regno Unito due volte, ma senza successo. Ma alla fine ha ottenuto un visto di lavoro in Italia. Poi sono andato in Francia con l’obiettivo finale di entrare in Gran Bretagna. “L’instabilità politica ed economica della nostra regione fa rischiare la vita a questi giovani per un futuro migliore, anche se sanno che le strade sono molto pericolose.‘ dice Kermaj Ezzat, cugino di Maryam.

READ  Daria Navalnaya, figlia di Alexei Navalny, denuncia il cinico pragmatismo dell'Europa di fronte a Putin

Un’inchiesta è stata aperta dalla Procura di Lille per capire meglio le circostanze della tragedia.

“Tragedia”

27 migranti sono morti mercoledì quando la loro barca è affondata al largo di Calais. Questa tragedia, descritta dal primo ministro Jean Castex come una “tragedia”, è di gran lunga la più mortale dall’aumento del numero di traversate migratorie per la Manica nel 2018, di fronte alla crescente chiusura del porto di Calais e del tunnel europeo usato anche allora dai migranti che cercavano di raggiungere l’Inghilterra. . Prima di questo naufragio, il bilancio delle vittime dall’inizio dell’anno era di tre morti e quattro dispersi. Nel 2020, sei persone sono state uccise e altre tre disperse. Nel 2019 sono stati registrati quattro decessi.