Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Aveva difficoltà a parlare”: un deputato racconta come ha sostenuto Sandrine Gosso dopo la serata a casa di Joel Guerreau | mondo

“Aveva difficoltà a parlare”: un deputato racconta come ha sostenuto Sandrine Gosso dopo la serata a casa di Joel Guerreau |  mondo


Battista Mayslin


Ultimo aggiornamento:
16:29


fonte:
Francia occidentale, AFP

La storia di Luc Geismard inizia quando, la sera di martedì 14 novembre, riceve una telefonata da Sandrine Gosso, appena scappata dalla casa di Joel Guerreau. “Mi sentivo confuso. Aveva difficoltà ad esprimersi e a parlare. Mi ha detto che qualcuno le aveva messo qualcosa nel drink ed era molto positiva. Ho cercato di rassicurarla”, ricorda.

Ha poi raggiunto il suo collega all’ospedale Lariboisiere di Parigi. “Sono arrivato e quando sono passato davanti alla reception mi hanno chiesto di presentarmi. Mi hanno dato la mia tessera tricolore e siamo andati a mostrargliela. Lei mi ha detto che si è spaventata molto quando ha visto la tessera, ma rimase senza fiato quando seppe che ero io”, aggiunge.

Era sconvolta, ma aveva anche molta rabbia.

Luc Geismard, deputato della Loira Atlantica

Scorta alla stazione di polizia

In attesa dei risultati tossicologici la sostiene e la rassicura per tutta la notte. “Loro (i medici, ndr) hanno confermato che era stata drogata. Era sconvolta, ma aveva anche molta rabbia. “È panico. Non esiste più alcuna alternativa. Ma nella sua mente, nonostante gli effetti dei prodotti, non voleva lasciare qualcosa del genere. mi ha detto: ‘Presenterò un reclamo, presenterò un reclamo“”.

Poche ore dopo, la mattina di mercoledì 15 novembre, Luc Gismar ha accompagnato Sandrine Gussou alla stazione di polizia. “Sono rimasta in questura fino alle 12,30, avevo un appuntamento e lei mi ha detto:Va bene Luke, penso che ci arriverò‘. L’ho lasciato in buone mani. Ha riacquistato gran parte delle sue forze.

READ  Un'eredità indiscutibile dell'antisemitismo: perché la partecipazione dell'Assemblea nazionale alla "Marcia civica" solleva interrogativi

“Ora sta desiderando che ciò che le è successo sia utile agli altri”, dice. “Se fosse stata meno potente, meno famosa, più schietta, se non avesse avuto una personalità così straordinaria, chissà se non si parlerebbe di lei”, conclude, “Spero che attraverso questa storia, molto poco voci emergeranno dalla foresta”.


Joel Guerrero è caduto da tutte le parti

Dopo che il signor Guerreau è stato accusato e posto sotto controllo giudiziario, il presidente del Senato, Gérard Larchet, ha invitato il senatore a “ritirarsi da tutte le sue attività legate al suo mandato di senatore”, in particolare “dalle sue funzioni di segretario del Parlamento”. Senato.” Ufficio e Vicepresidente della Commissione Affari Esteri.” Ha sottolineato che la richiesta è motivata «dall’estrema gravità dei fatti contestati al senatore e dal principio di dignità che è legato all’esercizio della giurisdizione parlamentare».

Anche se contesta tramite il suo avvocato ogni intento doloso e invoca la “frode fraudolenta”, il senatore – che non beneficia dell’immunità parlamentare in questo caso “flagrante” – è già stato liberato da ogni azione.

Le prime sanzioni politiche sono già cadute: sabato, in rapida successione, il suo partito politico Afak, poi il suo gruppo parlamentare, hanno deciso di sospenderlo e di aprire procedure disciplinari che potrebbero portare alla sua squalifica.

READ  Un changement de régime en Ukraine n'est plus sur la "liste" de Poutine, selon Helsinki

Leggi anche

“Pensavo di morire”: la deputata Sandrine Josso rompe il silenzio dopo aver accusato Joel Guerio di averla drogata

Il senatore Joel Guerrero è stato espulso dal suo partito perché sospettato di aver drogato un deputato

Il senatore francese Joel Guereau, sospettato di aver drogato un membro del parlamento, è stato accusato