Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un gruppo di medici che si occupano di dipendenze chiede al governo di sostenere il “Gennaio secco”

Un gruppo di medici che si occupano di dipendenze chiede al governo di sostenere il “Gennaio secco”

“LL’alcol uccide 41.000 persone ogni anno. “È un grido d’allarme lanciato da 48 medici tossicodipendenti di tutte le università francesi in una lettera indirizzata al ministro della Sanità, tra cui parigino Rivela il contenuto di martedì. Gli specialisti chiedono ad Aurelien Rousseau di sostenerlo pubblicamente Sfida di gennaio seccoUn mese senza alcol.

All’alba di questa quinta sessione, che si svolgerà tra tre settimane, la constatazione è stata chiara da parte del presidente del Collegio universitario nazionale degli insegnanti di medicina delle dipendenze, Olivier Cotensen: “In Francia, la prevenzione è quasi inesistente. Qualcosa non quadra. » Insieme ad altri studiosi delle dipendenze, il professore rileva, nella lettera originale, che esiste una “grave debolezza” nella fiducia nel governo “nel perseguire una politica coerente e risoluta” contro l’alcol.

La fiducia è stata infranta nel 2019 quando la Francia si è preparata ad attuare l’operazione Dry January. Bernard Basset, presidente dell’Associazione delle dipendenze in Francia, ha dichiarato di essere stato “invitato a scoprire la campagna presso la sede dell’Organizzazione della sanità pubblica in Francia” e ha osservato che “tutto era pronto”. Ma dopo qualche settimana, la sorpresa: il governo si è ritirato. Argomento di discussione: Disapprovazione dell’Unione dei Viticoltori dello Champagne, che annuncia un cambio di posizione.

Pressioni dei lobbisti?

L’atto fiduciario è stato nuovamente messo in discussione l’anno scorso. Durante le vacanze di fine anno viene trasmesso un segmento preventivo in cui si brinda alla parola “salute”. La clip è accompagnata dallo slogan: “Non è un po’ sciocco augurarsi buona salute bevendo alcolici? “Vin et société”, la principale lobby francese del vino, protesta contro Emmanuel Macron e il video non vedrà mai più la luce.

READ  Salute: Israele usa i robot al capezzale di pazienti e medici

L’ultima polemica: la collocazione del divieto durante i Mondiali di rugby di novembre. La prima campagna era stata pianificata con lo slogan: “Non lasciare che l’alcol ti metta fuori combattimento”, prima di essere abbandonata con uno spot che chiedeva “anche acqua potabile” quando si consuma alcol.

Di fronte a queste accuse di pressioni da parte di gruppi di pressione, l’ex ministro della Sanità François Brown ha smentito al quotidiano Le Parisien. Ha detto di aver deciso di terminare due campagne perché erano “noiose”. “Il loro messaggio troppo negativo non si adattava affatto all’idea di prevenzione che avevo”, spiega.

Da parte loro, i rappresentanti di Vin et Société hanno espresso la loro opposizione a una delle campagne e il sostegno dello Stato al “Gennaio secco”. Credono di chiedere “moderazione” piuttosto che “astinenza”, mantenendo la loro influenza in prospettiva. Denunciando la “finzione”, affermano di aver presentato la loro opinione al governo e al presidente della Repubblica, ma “sono stati loro a decidere dopo”.

Di fronte al grido di allarme dei medici che si occupano di dipendenze, il Ministero della Sanità ha dichiarato a Le Parisien che Aurelien Rousseau era “determinato” ad “aderire a una politica pubblica contro l’alcol”.

com.dmp