Campania Cultura e Spettacolo EVIDENZA

I Minions di “Cattivissimo Me 3” invadono il Giffoni Experience 2017

Si tinge di giallo la Cittadella del Cinema. Tornano i Minions alla 47esima edizione del Giffoni Film Festival e la giornata è davvero cattivissima.

La favolosa banda di malvagi redenti conquista tutti, grandi e piccini: energia e attesa per un evento speciale, “Cattivissimo Me 3” in anteprima nazionale, grazie a Universal Pictures International Italy, per i giffoners travolge il Festival.

Un’esplosione di colori, una festa in piena regola d’arte per un blue carpet scandito da passi di danza e selfie sfrenati.

A sfilare – accanto ai Minions e Gru – Max Giusti, Paolo Ruffini e Arisa che hanno dato la propria voce al nuovo capitolo firmato Illumination Entertainment e distribuito da Universal Pictures nelle sale dal 24 agosto. Si trasforma il Gff, letteralmente invaso dai famosi omuncoli gialli della saga animata. “Vorrei una cittadinanza in questo posto. Arrivi e sei accolto magnificamente, trovi dei ragazzi che vogliono parlare di cinema – ha sottolineato entusiasta Paolo Ruffini -.

Qui c’è un estratto del cinema, a volte il settore è fatto di critici noiosi e snob: Giffoni è una spremuta di cinema, come quando dall’estrattore tiri fuori il buono della frutta.

Questo Festival è tirare fuori il buono del cinema, il futuro”. Un amore che si rinnova, la grinta di Ruffini torna al Gff ed è subito show. La sua voce è per una new entry del terzo capitolo del film, Balthasar Bratt: “Presto la mia voce a un finto cattivo, un infelice che sfoga con cattiveria assoluta il suo insuccesso. In questi film sono belle anche le guerre, si combattono a colpi di danza e non di armi”.

Un cartone che insegna, e segna.

“Sono al mio terzo Cattivissimo Me, ormai non riesco più a separarmene – ha raccontato ai giurati Max Giusti -.

È stato il primo cartone ad aprire nuove strade, i bambini ci vedono un cartone e i grandi un film. Lancia un messaggio di positività e bontà”. Una squadra vincente che fa impazzire i giurati, carichi di curiosità e aspettative. “Lucy, il personaggio che ho doppiato in due serie è una bellissima amica da incontrare, è cresciuta e mi somiglia molto. Tra noi tante affinità e cose in comune – ha spiegato al pubblico Arisa – Questo film vuole far capire che le cose che sembrano cattive sono quelle che vivono un problema, bisogna avere sempre comprensione perché la negatività è frutto di incomprensione e disagio”.

Uno spettacolo ricco di effetti speciali quello creato ieri, accompagnato da una performance istantanea del camaleontico Giusti.

Con le voci di Ligabue e Vasco Rossi ha spiegato l’arte del doppiaggio, incantando la Sala Truffaut. “Cattivissimo Me è stato un lavoro certosino, negli anni è diventata una cosa sempre più grande – ha continuato Giusti -. Il primo è stata una scommessa, il secondo una promessa e il terzo una conferma che sta avendo un richiamo mediatico stravolgente”.

Un incontro ricco di spunti di riflessione e messaggi importanti indirizzati al cuore della platea euforica.

“La diversità in rete non è sempre ben vista, ma si può recuperare. I giovani come voi possono recuperare – ha esortato Ruffini – riempiamo di tante cose belle la realtà virtuale. Chi vive le difficoltà, chi ha un cromosoma in più, chi ama, chi combatte l’emarginazione non deve essere soggetto di derisione e cattiveria. Siete voi che potete cambiare, che potete dare un senso nuovo alla realtà”.

Lezioni preziose, da custodire strette. “Ho approcciato a “Cattivissimo Me” sette anni fa quando stavo per diventare papà e quando ho visto per la prima volta il film ho pianto come un bambino – ha spiegato ancora Giusti -. Avere a che fare con il mondo dei bambini è un’opportunità, ti purifica. Viviamo in un mondo fatto di botteghini e funzionalità, nei cartoni invece c’è il sogno”. Il giallo di “Cattivissimo Me 3” ha colorato una delle pagine più intense di questa 47esima edizione: “Siate felici, stringetela sempre a voi la felicità e la libertà”.

Scopri l'Autore

Antonio Ioele

Antonio Ioele

10 anni, tra Italia ed estero, tra radio, tv, carta stampata e web. Da febbraio 2017 sono il delegato dello “Studio Associato laRed” (P.IVA 05569100653), proprietario della testata giornalistica laRedazione.eu.

Il portale www.laredazione.eu è fisicamente alloggiato presso i server di Aruba S.p.A.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi