EVIDENZA Napoli video

Aveva difeso un migrante da insulti razzisti, Eav premia la signora Maria Rosaria

Napoli. Aveva difeso un migrante da insulti razzisti, Eav – Ente Autonomo Volturno srl premia la signora Maria Rosaria Coppola

C’è una storia che abbiamo seguito in questi giorni che ci ha insegnato che un mondo di integrazione è possibile. Protagonista positiva delle cronache nei giorni scorsi è stata la signora Maria Rosaria Coppola. La signora, 62enne sarta della Rai di Napoli, nei giorni scorsi mentre si trovava sulla Circumvesuviana ha difeso un extracomunitario dagli insulti a sfondo razzista di un italiano. La scena è stata ripresa da un passeggero e ha fatto il giro del web e sembra, si spera, abbia scosso ha scosso molte coscienze nell’ozioso dibattito su razzismo e violenza ai quali si può reagire indignandosi e ritrovando il senso comune della benevolenza e dell’accettazione. “Sono intervenuta – racconta con semplicità la donna – perché quel ragazzo non poteva, stava resistendo. Quando mi muovo sono un carro armato, forse per questo nessuno è intervenuto, hanno pensato che potevo tenere testa alla situazione”.
Maria Rosaria è stata anche oggetto di attacchi sul web conditi da minacce sessiste mentre il giovane protagonista del video, sempre dal web, ha fatto marcia indietro chiedendo di cancellare il video. Oggi, in conferenza stampa, il presidente di EAV – Ente Autonomo Volturno srl Umberto de Gregorio ha incontrato e premiato simbolicamente la signora Maria Rosaria.

Vuoi ricevere gli aggiornamenti gratuiti da laRedazione.eu ?

E' facile, semplice e gratuito. Cosa aspetti? Unisciti agli altri lettori

Aggiungi un commento

Cosa aspetti? Dicci la tua!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

laRed TV


ONAIR DALLE 12 ALLE 22

invia le tue segnalazioni al:

G+

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi