Marzo 3, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Microplastiche: in aumento le ricerche sugli effetti sulla salute

Microplastiche: in aumento le ricerche sugli effetti sulla salute

Nei polmoni, nelle feci o nel sangue, vengono tracciate tracce di microplastiche nel corpo umano per determinare meglio la loro potenziale minaccia per la salute, che non è ancora ben compresa.

• Leggi anche: Plastica nell’ambiente: è troppo tardi per ripulire il pianeta, dicono gli esperti

• Leggi anche: La triste verità è la plastica nei nostri vestiti

• Leggi anche: Trattato contro l’inquinamento da plastica: entro novembre la ‘prima bozza’

Ogni giorno gli esseri umani ingeriscono e inalano particelle di microplastica (meno di 5 millimetri) a contatto con la pelle. Sono nell’aria, nell’acqua, negli alimenti, negli imballaggi, nei tessuti sintetici, ma anche nei pneumatici o nei cosmetici.

Negli ultimi anni sono state rilevate microplastiche nei polmoni, nel fegato, nella placenta e infine nel sangue. Questo è il risultato di uno studio olandese pubblicato nel 2022 sull’International Environment Journal.

Se gli scienziati invitano alla cautela dato il suo piccolo campione, questa presenza di microplastiche mette in discussione la sua trasmissione agli organi attraverso il sistema sanguigno.

Attualmente sono ancora incompleti i dati sui reali effetti sulla salute dell’esposizione alle microplastiche, che sono una miscela complessa di polimeri e additivi chimici, a cui possono essere aggiunti vari inquinanti con effetto “cavallo di Troia”.

“Negli ultimi 10 anni, ci sono state sempre più ricerche ‘sull’impatto delle microplastiche anche se’, come con il riscaldamento globale, iniziamo tardi perché si tratta di cambiamenti insidiosi”, ha affermato il tossicologo Xavier Coumoul, pilota del team Inserm Metatox. , ha detto all’AFP.

“Non sappiamo se il nostro livello di esposizione porterà a malattie croniche o acute a lungo termine,[ma]possiamo legittimamente porre la domanda”, spiega Kumol.

READ  Meteo per sabato 28 maggio: una bella giornata calda al sud

Infatti, la ricerca sugli animali o in vitro ha rivelato effetti a livello cellulare (aumento dell’infiammazione, stress ossidativo, morte cellulare, ecc.).

“Sui tessuti polmonari umani e di topo, abbiamo osservato un effetto inibitorio sullo sviluppo, dopo aver posizionato fibre di plastica all’interno di organelli – tipi di cellule mini-polmonari”, dice ad AFP Barbro Melgert, dell’Università di Groningen (Paesi Bassi).

L’effetto sembra provenire da “qualcosa di chimico che fuoriesce dalla plastica. Ma non sappiamo quale prodotto sia coinvolto – è molto difficile dirlo, specialmente in piccole quantità”, ha aggiunto questo esperto.

punto di svolta

Il ruolo della forma, delle dimensioni, del tipo di plastica e degli additivi non è ancora ben compreso.

Recentemente, i ricercatori hanno cercato di determinare il movimento di microplastiche di diverse forme e dimensioni, con respirazione lenta o rapida. In qualche modo tendono ad accumularsi nella cavità nasale o nella parte posteriore della gola, secondo il loro studio di modellazione, apparso martedì scorso su Physics of Fluids.

Oltre agli effetti sulla salute, c’è anche una grande incertezza sull’esatto livello di esposizione alle microplastiche.

“Per la persona media, non sappiamo davvero quanta microplastica stiamo mangiando. Non ci sono molti studi e abbiamo bisogno di studi più lunghi”, secondo Barbro Melgert.

Un rapporto scioccante dell’ONG WWF nel 2019 ha stimato che gli esseri umani ingeriscono e inalano fino a 5 grammi di plastica a settimana, l’equivalente di una carta di credito.

I suoi risultati e la sua metodologia sono stati contestati e altri lavori hanno certamente sollevato stime molto inferiori, ma alcuni ricercatori come la signora Melgert temono ancora che la microplastica possa essere una “bomba a orologeria”.

READ  Famiglie numerose: hanno un impatto sulla salute mentale dei bambini

Mentre “continuiamo a produrre plastica su larga scala”, il ricercatore olandese avverte di un potenziale “punto critico” per l’esposizione umana.

La lotta all’inquinamento da plastica ha però fatto un passo avanti all’inizio di giugno a Parigi: dopo cinque giorni “faticosi”, 175 Paesi hanno deciso di creare una “prima versione” di un futuro trattato da qui alle prossime trattative, a novembre in Kenya.

In effetti, sarebbe meglio per tutti limitare la propria esposizione alle microplastiche, giudicano gli esperti, in base a un “principio di precauzione”.

Suggeriscono di ventilare la casa il più possibile, di non mangiare cibo da contenitori di plastica, di evitare tessuti sintetici, ecc.

È meglio prendere precauzioni perché “per pesticidi o altre molecole, a volte ci è voluto molto tempo per determinare i rischi a lungo termine per l’uomo”, avverte Kumol.