Settembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Meditazione di consapevolezza a scuola, una buona idea sbagliata?

A scuola o al lavoro, la meditazione di consapevolezza è popolare per gli studenti da un lato e per i dipendenti dall’altro per prendersi cura della propria salute mentale. Anche se una delle premesse di questa corrente è quella di attribuire responsabilità all’individuo piuttosto che all’ambiente, ci si potrebbe chiedere, in una prospettiva integrativa, se la pratica della meditazione di consapevolezza renda effettivamente possibile ridurre il rischio di depressione, gestire meglio i propri emozioni e aumentare il benessere. La risposta è “no” secondo uno degli studi più forti pubblicati su questa domanda.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Meditazione a scuola: un’esperienza raccontata nel film Happy
La meditazione aumenta l’attenzione e l’empatia e riduce lo stress e il rischio di depressione. Sarà anche benefico per la nostra salute mentale e fisica. Imparando questo, sempre più scuole stanno introducendo la meditazione nella loro routine quotidiana. Immergiti in un estratto dal film Happy, nelle sale il 30 ottobre.

Il Di nuovo a scuola Ti stai avvicinando rapidamente e potresti essere uno di quegli insegnanti che combinano la meditazione di consapevolezza con l’ambizione di aumentare il benessere dei tuoi studenti o gestire meglio le loro emozioni. Prima di iniziare, ti sei chiesto fino a che punto questa pratica e i suoi presunti benefici siano stati convalidati dalla ricerca scientifica?

Che sia da una prospettiva ambientale (risultati in un contesto di classe) o sperimentale (risultati sui marcatori cerebrali in laboratorio), Meditazione In piena consapevolezza ma non all’altezza delle sue esigenze.

Esperienza potente con gruppo di controllo attivo

Diversi problemi si ripresentano negli studi sull’efficacia di meditazione di consapevolezza. In generale, il disegno dello studio non consente di considerare i risultati statisticamente robusti. In questione, il numero di individui all’interno dei campioni è diminuito, il che limita notevolmente il potere statistico dell’esperimento e la negatività del gruppo di controllo che Porta Perdita di comparabilità di gruppo.

READ  Un'indagine sulla qualità della vita delle persone con autismo

Largo esperimento casuale Kit controllati realizzati in Gran Bretagna La mia flessibilità adolescenziale (Innumerevoli) Inserito nella sezione Salute mentale basata sull’evidenza Il Giornale medico britannico, tenta di affrontare queste sfide metodologiche. Comprende un campione di oltre 8.300 studenti in 84 scuole diverse e un gruppo di controllo che riceve regolarmente istruzioni su Salute mentale e lusso.

I risultati sono interpretati all’interno di un modello integrativo che tiene conto dell’influenza di variabili ambientali (paese, dimensione della scuola, distribuzione del genere scolastico) e individuali (età, genere, razza, rischio di depressione, comportamento socio-emotivo, benessere) . Mettendo in comune tutti questi dati, i ricercatori non trovano alcun beneficio nei gruppi che hanno ricevuto lezioni di meditazione, né subito dopo l’intervento né un anno dopo.

Indicano anche il pericolo che, l il più giovane Nel caso di alcune funzioni esecutive che non sono ancora maturate, o di persone ad alto rischio di depressione, la meditazione può avere effetti negativi. Le interpretazioni di questi risultati sono complesse, ma sono sufficienti per mettere in discussione le affermazioni delle tecniche di meditazione in classe.

La discussione nervosa sul sedile caldo

Come ultima risorsa, si potrebbe sostenere che l’effetto a lungo termine della meditazione è quello di togliere la carta dall’argomento neurologico secondo cui la pratica della meditazione aumenta plasticità cerebrale Ispessisce alcune aree del cervello. In primo luogo, questa argomentazione rende la meditazione inefficace come strumento durante tutto l’anno scolastico, dato che lo studio di cui sopra è durato un anno e non è stato riscontrato alcun effetto di efficacia. In secondo luogo, gli studi sugli effetti della meditazione sul cervello soffrono degli stessi problemi metodologici degli studi ambientali.

READ  Le briques de la vie peuvent se ex dans l'espace

Fortunatamente, un recente studio pubblicato su Scienze Ha anche affrontato le sfide metodologiche associate a questa domanda di ricerca e non ha riscontrato differenze tra il gruppo di controllo attivo e il gruppo di controllo che pratica la meditazione nella stragrande maggioranza delle strutture cerebrali. Sembra quindi coerente, date queste ultime prove, diffidare delle affermazioni della meditazione di consapevolezza nell’ambiente scolastico, fino a prova contraria.

Cosa ricordare

  • La meditazione di consapevolezza afferma di essere in grado di ridurre il rischio di depressione, imparare a gestire meglio le proprie emozioni e aumentare il benessere;
  • Le sue affermazioni non sono supportate da uno dei più forti studi clinici sulla questione;
  • L’argomento neurale non era più valido quando i problemi di dimensione campionaria e negatività del gruppo di controllo erano stati risolti;
  • È quindi consigliabile diffidare delle affermazioni della meditazione di consapevolezza, fino a prova contraria.

Offerta Speciale: Iscriviti ai nostri media per 3 mesi e ricevi Mag Futura in regalo! *

* L’offerta è valida per qualsiasi nuovo abbonamento di 3 mesi alla promozione “Sto partecipando alla vita del futuro” su Patreon.

Interessato a quello che hai appena letto?