Maggio 18, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Masters 1000 Madrid – Novak Djokovic: “Devo avere pazienza”

Cosa ricordi della tua settimana a Belgrado?

Novak Djokovic: “Avrei potuto essere eliminato alla mia prima partita e giocato quattro set in tre set, ognuno dei quali ha superato le due ore e mezza. Non vedevo l’ora di giocare le partite, di passare del tempo in campo, ecco cosa ho ottenuto Ovviamente non mi è piaciuto il modo in cui ho concluso il torneo nel terzo set (dalla finale ho perso 6-0 contro Rublev), simile a quello che è successo a Monte Carlo (per la sua rimonta, ndr). come esaurire le energie. Ma apprezzo molte cose riguardo al tirare la palla. Non è ancora al livello che voglio, è pratico, devo essere paziente e spero che le cose si muovano nella giusta direzione questa settimana.

Attribuisci questi attacchi di stanchezza alla mancanza di partite?

Tennis

Djokovic ‘triste’ per Becker

7 ore fa

ND: “La mancanza di partite incide sulla mia capacità di giocare ad un certo livello e di esibirmi, ma lì ero associato alla malattia che ho contratto una settimana prima di Montecarlo. Immagino che i suoi effetti siano rimasti nel mio corpo, che è ricomparso di nuovo quando ho è stato spinto fisicamente. Ma è stato diverso tra Belgrado e Monaco. Sapere di aver pareggiato quattro partite per circa tre ore mi dà ragioni sufficienti per credere che stia andando nella giusta direzione. Da allora ho trascorso una settimana davvero buona, concentrandomi maggiormente sulla forma fisica e resistenza, che è ciò che è necessario per competere con i migliori giocatori sulla superficie più lenta e fisicamente più impegnativa.

Nadal: Se vengo qui è perché i dottori mi hanno detto che non c’è pericolo

Come sei riuscito a gestire le cose mentalmente e fisicamente dopo un inizio di stagione così speciale?

ND: “Riguarda principalmente il lato mentale ed emotivo: ovviamente non ho mai vissuto niente di simile a quello che ho vissuto all’inizio dell’anno, e non sapevo come mi avrebbe influenzato”. Con esso un po’. Non era presente come lo era stato nei primi due o tre mesi dell’anno. Sento che più suoni, più sei in quell’ambiente. Più mi sento a mio agio lì. Ma mi mancano le partite, quel tipo di ambiente, in tali condizioni, non era facile. Mentalmente, ho dovuto affrontare molte cose. Sono felice di essere tornato sulla strada giusta, il che significa che posso giocare ai tornei e vedere il mio programma: dove andare, dove andare, dove posso e dove voglio raggiungere il livello più alto? Sulla terra battuta, ovviamente al Roland Garros. Dopodiché, posso anche andare a Londra per Wimbledon. Sono contento di avere questa prospettiva e questa visione per alcuni mesi a venire e spero di poter dare il massimo, soprattutto in un Grande Slam”.

Atp Madrid

Nadal sulla strada per Alcaraz e Djokovic, scontro tra Murray e Tim

29/04/2022 alle 17:14

ATP Belgrado

Risalita incompiuta, bolla al termine: domenica molto deludente per Djokovic

24/04/2022 alle 14:45

READ  “Ho fatto una scelta sbagliata e sono d'accordo”