Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Marocco: continuano le ricerche per cercare di salvare Rayan, 5 anni, che è rimasto bloccato in un pozzo per 3 giorni

I soccorritori hanno continuato a lottare contro il tempo tutta la notte da giovedì a venerdì nel tentativo di salvare un bambino di cinque anni bloccato in un pozzo profondo in un villaggio nel nord del Marocco da martedì pomeriggio, in una tragedia che affligge il regno.

L’AFP ha indicato che le operazioni di soccorso a terra si sono intensificate in serata intorno al pozzo utilizzando i bulldozer e potrebbero continuare fino al mattino. L’agenzia di stampa araba del Maghreb ha riferito che la perforazione “ha raggiunto più di 27 metri, sperando di raggiungere i 32 metri nelle prossime ore, prima di perforare uno spazio orizzontale di 3 metri tra la buca e il pozzo per recuperare il bambino”.

Il MAP ha aggiunto che un’équipe medica è stata inviata sul luogo dell’incidente “per effettuare i primi esami e gli interventi di rianimazione per il bambino non appena è stato soccorso”. Un elicottero della gendarmeria è pronto per portare il bambino in un vicino ospedale. I bagnini sono supportati da topografi che sono anche mobilitati sul sito.

terza notte

Il piccolo Rayan è caduto accidentalmente, martedì, in un pozzo asciutto profondo 32 metri, stretto e di difficile accesso, scavato nei pressi della casa di famiglia in un villaggio non lontano dalla località di Bab Bard, nella provincia di Chefchaouen (Nord). Marocco, Ovest, tramonto).

“In un momento di disattenzione, il ragazzino è caduto nel pozzo che stavo riparando. Non sono riuscito a dormire tutta la notte”Il padre di Ryan ha testimoniato al sito di notizie Le360. “Ryan è così amato qui al villaggio, non solo a casa, mi manca, sono passate tre notti”, Sua nonna settantenne, Laziza, ha detto all’AFP.

READ  Analisi del discorso di Putin del 9 maggio a Mosca: "Non è stata menzionata nemmeno la parola 'Ucraina'"

L’agenzia di stampa marocchina ha affermato che l’agenzia di soccorso è stata in grado di fornire “acqua e ossigeno attraverso i tubi ad Al Rayyan”. “I nostri cuori sono con la famiglia e chiediamo a Dio di trovare i suoi cari il prima possibile”, E il portavoce del governo Mustafa Petsas ha auspicato a conclusione della sessione settimanale del Consiglio di governo.

Scavare intorno al pozzo per salvare il bambino

Abdel Aziz Al-Tamrani, responsabile delle operazioni di soccorso della televisione pubblica, ha affermato che le squadre di soccorso, mobilitate da più di 48 ore, non hanno potuto scendere direttamente al pozzo perché “il suo diametro non supera i 45 centimetri. “

I soccorritori credevano anche “di ampliare il diametro del pozzo, ma ciò non è stato possibile a causa della natura del terreno che potrebbe portare a una frana”, ha spiegato il portavoce dell’Autorità esecutiva.

L’unica soluzione: scavare intorno al pozzo per salvare il bambino la cui sopravvivenza ha suscitato enorme simpatia e solidarietà sui social network, anche vicini e rivali dell’Algeria.

I soccorritori stanno lavorando in condizioni molto difficili

La trasmissione in diretta di diversi media marocchini è seguita minuto dopo minuto da centinaia di migliaia di utenti Internet, che commentano la sorte del bambino. L’hashtag #sauvezrayan (in arabo) continua ad essere una delle tendenze principali su Twitter in Marocco.

Achraf Hakimi, star internazionale del Marocco e del Paris Saint-Germain, ha condiviso una foto illustrativa su Instagram, accompagnata da due emoji: un cuore spezzato e le mani giunte in preghiera.

Non è stato escluso l’algerino Riyad Mahrez, la star del Manchester City, che ha condiviso su Facebook una foto di Ryan in fila con l’hashtag #Stay strong (Stay strong).

READ  Il piccolo corridore scomparso a Mayen è stato ritrovato vivo

I sentimenti sono stati tali che i residenti della zona si sono riversati “a frotte” sul luogo della tragedia – pazientemente seduti intorno al pozzo – ma a volte hanno ostacolato il lavoro delle squadre di soccorso. “I soccorritori stanno lavorando in condizioni molto difficili. I cittadini sono chiamati a permettere loro di lavorare per salvare questo bambino”ha esortato il signor Pettas.

Questo incidente riflette una tragedia avvenuta all’inizio del 2019 in Spagna: in Andalusia un bambino di due anni è morto dopo essere caduto in un pozzo abbandonato di 25 cm di diametro e profondo più di 100 metri che è stato scavato per trovare l’acqua . Il corpicino di Yulin è stato ritrovato dopo tredici giorni di ricerche su scala straordinaria.