Aprile 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Malattia, paranoia e distacco tecnologico: un ex addetto alla sicurezza personale di Putin racconta cosa ha visto dentro

Malattia, paranoia e distacco tecnologico: un ex addetto alla sicurezza personale di Putin racconta cosa ha visto dentro

Un ex ufficiale russo ha rilasciato una testimonianza scioccante. Faceva parte del servizio di sicurezza personale di Vladimir Putin e ha disertato lo scorso ottobre. Racconta la vita quotidiana di un presidente russo “paranoico”.

Vladimir Putin è stato in Kazakistan lo scorso ottobre in uno dei suoi rari viaggi. Poi ignora che una delle sue guardie più vicine è appena scappata all’aeroporto, diretta in Turchia. Da 13 anni Gleb Karakolov assicura i contatti del capo del Cremlino.

Non usa il cellulare. In tutti i miei anni di servizio non l’ho mai visto con uno smartphone. Inoltre non usa Internet e riceve informazioni solo dalla sua cerchia ristretta. Ma insiste che ha 4 canali televisivi russi ovunque vada. Questo è obbligatorio. Ciò che sta accadendo sfida la mente. Non seguire gli ordini di Vladimir Putin, per me è un criminale di guerraAnnuncia l’ex ufficiale.

La vita solitaria di un uomo ossessionato dalla sua sicurezza. Le sue ville sono ricoperte ogni volta da scrivanie identiche per coprire le sue tracce.

Ci sono stati momenti in cui sapevo che era a Sochi. La TV era in esecuzione in background. E ho sentito persone dire che era a Novo-Ogaryovo per presiedere alle riunioni. Così ho chiesto ai miei colleghi: “Ha già lasciato Sochi?” – “No, mi hanno risposto, è ancora qui“, Testimone.

Putin non è malato

Per passare inosservato, il presidente russo viaggia in treno, non in aereo, che è facile da individuare. Sembra essere un treno come tutti gli altri treni della State Corporation, solo che è blindato. Uomo paranoico soprattutto dopo il covid.

READ  Zelensky devant le parlement belge: «La paix a plus de valeur que le pétrole et le gaz russes» (video)

Abbiamo avuto una quarantena di due settimane prima di ogni evento anche per 15 minuti. Abbiamo dovuto vaccinarci. Tutti i consiglieri e gli assistenti di Putin devono sottoporsi a test PCR più volte al giorno“.

L’uomo che ha trascorso 13 anni dietro le quinte del Cremlino è ufficiale: Putin non è malato. “È più sano di molti della sua età. Ma ha perso il contatto con il mondo. Per lui, la tua vita e quella dei tuoi cari non hanno alcun interesse. Questa guerra deve finire. È ora di rompere il silenzio. COSÌ. È tutto quello che volevo dire“, conclude.

Oggi Gleb Karakolov vive in un luogo segreto, sotto altissima protezione.