Giugno 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La morte del giovane Emile: fine della ricerca dei resti del corpo a Vernet

“D'ora in poi, l'indagine giudiziaria proseguirà alla luce dei risultati delle scoperte raggiunte e delle perizie in corso, con l'obiettivo di determinare le circostanze della morte di Emile”, ha precisato il procuratore di Aix-en-Anne. Provenza Jean-Luc Blachon in un comunicato stampa.

Emile è scomparso l'8 luglio, quando era appena arrivato per trascorrere le vacanze estive con i nonni materni, nella loro seconda casa nel villaggio di Haute-Vernet, attaccato al villaggio di Vernet, a 1.200 metri di altitudine.

Per nove mesi le indagini non hanno prodotto nulla di concreto, finché sabato 30 marzo un pedone ha scoperto il cranio e i denti del bambino, a circa 1,7 chilometri dal villaggio, a 25 minuti a piedi da un adulto.

Muore il piccolo Emile: “È bianco e molto pulito… ci sono solo i denti superiori”, dice l'escursionista che ha ritrovato le ossa del bambino

Il pubblico ministero ha affermato che i magistrati inquirenti, che conducono le indagini ad Aix-en-Provence, hanno immediatamente inviato sul campo decine di gendarmi, tra cui specialisti di “ingegneria della scena del crimine”, antropologi e due squadre cinofile per cercare resti umani.

Sono riusciti a trovare vestiti e un piccolo pezzo di osso nella stessa area, sotto il punto in cui è stato scoperto il teschio.

Tuttavia, queste scoperte non hanno ancora permesso di spiegare la morte del bambino, e una vasta esperienza continua a Pontoise, presso l'Istituto di ricerca criminale della Gendarmeria Nazionale (IRCGN).

READ  L’Oms è preoccupata per l’aumento dei casi di coronavirus: “Ciò non significa che dovremmo ignorare la malattia”