Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’Ungheria e la Polonia non sono riuscite a dirottare il vertice di Granada sulla questione dell’immigrazione

L’Ungheria e la Polonia non sono riuscite a dirottare il vertice di Granada sulla questione dell’immigrazione

Va riconosciuto il talento del primo ministro ungherese Viktor Orban nel garantire che il suo arrivo alle riunioni del Consiglio europeo non passi inosservato, tra le dichiarazioni di tutti i capi di Stato e di governo dell’UE. La sua apparizione sul palco, venerdì mattina, per partecipare al vertice informale di Granada, in Spagna, non ha fatto eccezione alla regola. “Se vieni violato legalmente e costretto ad accettare qualcosa che non ti piace, come si può raggiungere una soluzione o un accordo? “È impossibile”Ha rimproverato Orban per aver espresso l’opposizione del suo paese all’accordo sulla riforma della gestione della crisi migratoria raggiunto mercoledì a livello di ambasciatori dei 27 paesi – senza l’approvazione di Ungheria e Polonia.

È vergognoso e sbagliato – la decisione è stata presa secondo le regole della maggioranza qualificata – ma il messaggio è stato recepito. ““Non abbiamo paura dei dettami che arrivano da Bruxelles e Berlino”.Da parte sua, il primo ministro polacco Morawiecki si è dichiarato fedele al linguaggio formulato dal suo partito ultraconservatore, Diritto e Giustizia, nella campagna elettorale per le elezioni legislative polacche del 15 ottobre.

Consigli per spostarsi a Orban e Morawiecki

La presentazione dei due uomini ha fatto temere che avrebbero avvelenato la discussione che i leader europei dovrebbero avere sull’agenda strategica dell’Unione europea per i prossimi cinque anni, sollevando la questione della migrazione. La questione aveva già occupato le 27 del pomeriggio – questo era l’auspicio anche della presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni – ma non ha impedito di approvare all’unanimità la Dichiarazione di Grenada. “L’Ungheria e la Polonia hanno immediatamente annunciato che non avrebbero accettato nulla su questo argomento, perché non le avrebbe mai soddisfatte.dice una fonte vicina alle discussioni.

READ  "Le conseguenze sono gravissime": le nuove accuse di Zelensky alla Russia

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha evitato l’ostacolo, rimuovendo il paragrafo sull’immigrazione dalla Dichiarazione di Grenada, per redigere una dichiarazione presidenziale – un trucco usato quando non c’è consenso su un argomento, ma non si può dire nulla al riguardo. Lui lei. “Morale della favola: respingendo la 27a Dichiarazione sull’immigrazione, Ungheria e Polonia hanno ottenuto il contrario di ciò che cercavano. Hanno sottolineato il fatto che le decisioni sull’immigrazione saranno sempre prese dal Consiglio (dei ministri, ndr) a maggioranza qualificata, e mai dal Consiglio europeo, perché le impedirebbero sempre.La stessa fonte rileva.

Il sindacato cerca partner africani

La dichiarazione del Presidente riflette il punto di vista della stragrande maggioranza degli Stati membri sulla migrazione. In particolare, la loro intenzione di sviluppare il “lato esterno” della politica migratoria, cioè di cooperare con i paesi di origine e di transito per impedire la partenza, e soprattutto l’arrivo, di persone che cercano di entrare nell’Unione. Il recente accordo con la Tunisia rientra in questa strategia. La loro efficacia resta da dimostrare e la mancanza di rispetto da parte della Tunisia per i diritti fondamentali dei migranti fa sollevare qualche sopracciglio in Europa. Compresi quelli richiesti dal premier belga De Croo “Migliorare questo tipo di accordo”.

Durante la conferenza stampa di chiusura, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha insistito sulla necessità di “Un approccio globale con i paesi partner”Ha spiegato che 150 miliardi di euro della strategia europea Global Gateways sono destinati ai paesi africani.

Con al suo fianco Charles Michel e il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, la presidente della Commissione ha sottolineato che se l’Unione intende combattere l’immigrazione clandestina, avrà bisogno anche dell’immigrazione legale. La von der Leyen ha affermato che proponendo di aprire canali legali per la migrazione verso i paesi africani, l’Unione europea trarrebbe vantaggio da un argomento per incoraggiarli a perseguire una politica di rimpatrio dei migranti che non hanno ottenuto il diritto di rimanere in Europa.

READ  Una pubblicità di Elon Musk che mette in pericolo l'esercito ucraino

Non c’è una scadenza per l’espansione, ma è necessaria una preparazione

Sebbene non vi sia consenso sulla migrazione, i leader dei 27 paesi hanno concordato sul contenuto della Dichiarazione di Grenada, che definisce le priorità strategiche dell’UE per gli anni a venire. Tra questi elementi figurano: la competitività dell’economia attraverso la riduzione delle dipendenze e l’innovazione; Sicurezza e difesa; Un maggiore coinvolgimento dell’UE a livello globale e, naturalmente, la futura espansione dell’Unione per includere i paesi dei Balcani, la Moldavia e l’Ucraina. Il dibattito avviato a Granada è ancora in una fase embrionale e proseguirà nei prossimi mesi e anni.

L’allargamento dell’Unione europea è una sfida importante

Che tipo di espansione dovrebbe verificarsi? Sono tutti allo stesso ritmo? Le adesioni saranno progressive?ha chiesto il signor Sanchez. Nel documento non figura la data del 2030 entro la quale il sindacato dovrà essere pronto a ricevere nuovi membri, secondo Charles Michel. Anche se ha espresso il suo desiderioandare veloce”Il presidente francese Macron ritiene che ““troppo presto” Per fissare una data finale. Alexander De Croo ha espresso dubbi sulla possibilità di espandere l’Unione già nel 2030, sottolineando l’enorme lavoro che attende i paesi candidati per soddisfare i criteri di adesione, ma anche il lavoro che l’Unione stessa deve svolgere per riuscirci. Per continuare a lavorare in più di trenta Stati membri. “Non possiamo farlo senza preparazione, e oggi né loro né noi siamo preparati”.Il belga ha insistito.

Charles Michel ha affermato che alcuni Stati membri sostengono la data del 2030 e altri no. “L’importante è smettere di procrastinare, in questo contesto di guerra della Russia contro l’Ucraina, e mostrare a coloro che vogliono unirsi a noi che siamo seri”.

READ  Dopo la polemica sulle visite ginecologiche, il Qatar ha ordinato di garantire la sicurezza dei supporti femminili