Febbraio 27, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'UCLouvain avrà il suo primo presidente?

L'UCLouvain avrà il suo primo presidente?

Vincent Blondel è alla guida dell'UC Louvain dal 1 settembre 2014 e completerà il suo secondo mandato quest'anno, ma un po' prima del previsto. Questo professore di matematica applicata ha infatti deciso di entrare in politica: sarà capolista della lista Engagés nel Brabante Vallone alle elezioni regionali previste per giugno 2024. In seguito a questa selezione, il Consiglio di amministrazione dell'Università ha deciso di sollevare Vincent Blondel dalle sue funzioni di presidente dell'Università a partire dal 9 febbraio 2024. Didier subentrerà a Lambert, l'attuale vicerettore per la politica del personale, che presterà servizio ad interim fino all'inaugurazione del nuovo team universitario, il 1 settembre 2024.

Ma torniamo all’elezione del prossimo rettore, che potrebbe quindi essere rettore, e si tratterebbe di una prima assoluta per l’università che, nel 2025, festeggerà, insieme alla gemella neerlandese KULeuven, il 600° anniversario della fondazione.

Alcune donne sono state nominate per questa posizione. Nel 2004 fu nominata Anne-Marie Coombes, allora direttrice generale dell'Università. Ma nelle tre elezioni successive alle urne c’erano solo uomini.

Genevieve Champs

JD Genevieve Schanpp è professore ordinario presso la Facoltà di Giurisprudenza e Criminologia e Vicepresidente del Settore di Studi Umanistici.

“Investire nell’università che mi ha formato e poi impiegato mi è sempre stato ovvioSi legge nella pagina del sito dell'UCLouvain dedicata alle elezioni universitarie. Ho ricoperto numerosi incarichi istituzionali: rappresentante di ente, membro di consiglio (di college, di istituto, di comitato di dottorato, di consiglio di ricerca), presidente di istituto, preside. Attualmente sono Vice Presidente dell'Università degli Studi Umanistici. Queste esperienze sono state ricche di conoscenze incidentali dell'istituzione e delle componenti della nostra comunità. Mi hanno permesso di valutare le esigenze e le specificità di settori e località. “Sostengo una leadership basata sull’ascolto, sull’etica professionale e sulla compostezza.”

READ  La Russia è entrata in una recessione economica nove mesi dopo l'inizio della guerra in Ucraina

Françoise Smits

Dottore in Medicina e Scienze Mediche e Pediatra Françoise Smits è Professore Clinico Ordinario e Preside della Facoltà di Medicina e Odontoiatria. È anche capo della clinica del Dipartimento di Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica presso le Cliniche dell'Università di St. Luke.

“È la convinzione che ci troviamo in un momento critico nella storia della nostra istituzione che motiva la mia candidatura. Le crisi degli ultimi anni hanno accelerato i cambiamenti sociali, portando in particolare a mettere in discussione sistematicamente la legittimità delle università. Sembra quindi essenziale Louvain sta ripensando il suo ruolo sociale e si colloca pienamente al centro di questi cambiamenti. Alla luce di queste profonde trasformazioni, spero anche che ripensiamo le nostre missioni. “Insegnamento e ricerca. Interconnesse e complementari, la loro espressione “costituisce la specificità dell'impresa universitaria, perché didattica e ricerca non devono mai essere separate, contrapposte o in competizione. Io mi impegno a garantire questo”.

Alan Fass

Dottore in scienze gestionali, Alain Vass è professore ordinario alla Louvain School of Management e vicerettore dell'Università dell'Hainaut.

“Il mio desiderio è che insieme costruiamo un'audace università multisito, ispirata ai valori fondamentali della nostra università: umanità, eccellenza, rispetto e solidarietà. (…) Il nostro obiettivo strategico è diventare: “L'Università europea L'università scelta da tutti i nostri stakeholder interni ed esterni, che offre ricerca eccellente “Avere un impatto sociale e un'istruzione innovativa che risponda alle sfide di una società sostenibile e inclusiva”.

Se questi tre professori si candidano, devono avere il sostegno di almeno 120 membri del collegio elettorale per essere candidati alla presidenza dell'università. Questa fase durerà fino al 14 gennaio, quindi non sapremo chi apparirà sulle schede elettorali fino al 17 gennaio.

READ  Aeroporto di Bruxelles: di seguito sono elencate le città servite da Ryanair

Ciò avrà luogo dal 25 al 27 marzo 2024, tramite votazione elettronica. Dal 2009 ciò avverrà a suffragio universale ponderato: tutti i membri dell'università, circa 45.700 persone (38.900 studenti e 6.800 dipendenti) potranno partecipare al voto, ma non tutti avranno lo stesso peso. Il voto degli accademici (circa 2.200 tra professori e ricercatori) costituisce il 61% dei voti, mentre il voto del personale amministrativo e scientifico e degli studenti rappresenta il 13% ciascuno.

Il risultato sarà annunciato entro il 10 aprile. Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta, dal 22 al 24 aprile si terrà un secondo turno. Da allora in poi il nome del futuro rettore si saprà entro l'8 maggio. Lui o lei entrerà in carica il 1° settembre 2024 per un mandato di cinque anni.