Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lotti: quando Internet minaccia il triangolo nero del Quercy

primario
Disabili dall’inquinamento luminoso nelle città, gli astronomi ora devono fare i conti con dozzine di satelliti americani inviati nell’orbita terrestre. La banda larga sacrifica il monitoraggio spaziale…

Non vi diciamo nulla dicendo che Lot ha una delle atmosfere più belle in Francia, e nemmeno in Europa. Il famoso triangolo nero del Quercy – dal nome di questo spazio, dove compare l’ipotetica assenza di inquinamento luminoso nel nucleo del pianeta che osserva il cielo stellato – è l’orgoglio degli abitanti al calar della notte, quando è il loro naso orgoglioso verso questa volta bluastra che rivela tutto le sue meraviglie. Il dipartimento è anche pieno di appassionati di astronomia, più o meno dilettanti, che non esitano a posare gli occhi sull’estremità del telescopio non appena se ne presenta l’occasione.

Questo è particolarmente vero per i membri del Gigouzac Astronomy Club, a nord di Cahors. Venerdì scorso, il club ha organizzato una sessione di osservazione del cielo aperta al pubblico. In programma: scoperta di stelle, costellazioni e istantanee. Tuttavia, la serata è stata caratterizzata da un aspetto insolito…

scatola satellitare

“All’improvviso abbiamo visto emergere un gruppo di sessanta punti bianchi, che formano un pilastro e che attraversano il cielo notturno da un lato all’altro”, afferma Bernard Delieres, segretario dell’associazione. Potrebbe essere questo l’inizio di una vera e propria invasione aliena? mai. Questa intrusione è di origine umana. Da diversi anni la società Starlink, di proprietà del miliardario americano Elon Musk, ha sviluppato un programma per fornire l’accesso a Internet via satellite.
Bersaglio ? La possibilità di chiamare da qualsiasi parte del mondo. A tal fine, l’uomo più ricco del mondo prevede di inviare migliaia di satelliti in orbita attorno alla Terra, “non più grandi di una lavatrice”, come identifica Bernard Deleris. Una presenza senza riserve, che disturba molto gli osservatori spaziali vigili.

READ  Uomini sopra i 50 anni: ecco alcuni passaggi che puoi intraprendere per prenderti cura della tua salute

“Penso agli astronomi professionisti per i quali deve essere complicato”

“Rovina le nostre osservazioni e immagini”, ha detto il segretario del Gigouzac Astronomy Club, che lo ha reso relativo: “E noi, solo dilettanti, siamo ancora entusiasti. Penso agli astronomi professionisti per i quali deve essere complicato”.
La situazione non migliorerà. Ogni anno sono consentite nuove spedizioni sopra le nostre teste.

Il secondo fronte di inquinamento

L’emergere di questi satelliti parassiti non è il primo problema per gli osservatori dell’universo. Da diversi decenni gli astronomi combattono contro l’inquinamento luminoso emesso dalle città. Il triangolo nero del Quercy è anche circondato da molte grandi città come Figeac, Cahors, Brive e Montauban. Abbastanza per creare aloni molto evidenti durante le note.

“Cerchiamo di sensibilizzare il più possibile le comunità. Il Parco Naturale Regionale Causses du Quercy è molto ricco di questo”, afferma Bernard Deleris, che menziona l’esistenza di villaggi per osservare le stelle. “L’inquinamento luminoso non solo disturba gli astronomi. Disturba anche animali e piante notturni. Alcuni insetti non sono più coinvolti nell’impollinazione ma sono attratti dalle luci”.
Una battaglia da combattere su due fronti per preservare il Triangolo Nero e le sue 5.000 stelle osservabili ogni notte.