Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L'orientamento bisessuale può essere legato a… alcuni elementi genetici!

L'orientamento bisessuale può essere legato a… alcuni elementi genetici!

Questo studio, pubblicato mercoledì sulla rivista Science Advances, cerca di fornire un nuovo elemento per rispondere alla domanda biologica che mira a capire perché la selezione naturale non ha eliminato gradualmente gli elementi genetici che favoriscono l'omosessualità, portando a un minor numero di figli.

I ricercatori hanno scoperto che gli elementi genetici associati alla bisessualità, e più specificamente, sono anche associati ad un atteggiamento più positivo verso il rischio e alla tendenza ad avere più figli.

Angel parla apertamente della sua bisessualità: “È importante parlarne, perché tutti abbiamo bisogno di essere rappresentati”.

Lo studio in particolare segue l’importante studio del 2019 che ha concluso che l’omosessualità, se non definita da un singolo gene, è spiegata da molteplici regioni del genoma e, come ogni personalità umana complessa, da sfuggenti fattori non genetici.

“Ci eravamo resi conto in precedenza che le persone raggruppavano tutti i comportamenti sessuali omosessuali in un'unica categoria, ma si tratta di una vasta gamma”, ha detto all'AFP Jianzhi Zhang, coautore dello studio, per spiegare lo scopo di questa ricerca.

Si sono basati sul database britannico UK Biobank, che comprende più di 450.000 persone di origine europea.

Confrontando i loro dati genetici con le risposte ai questionari, i ricercatori hanno concluso che le firme genetiche associate all'omosessualità e alla bisessualità erano in realtà distinte.

“Servezza storica”

Hanno determinato che i marcatori genetici associati alla bisessualità sono associati anche nei maschi portatori con una forte propensione al rischio, che sembra favorire il sesso non protetto, perché questo stesso marcatore genetico è anche associato ad avere un numero maggiore di figli.

READ  Un belga francofono su due rinuncia all'assistenza sanitaria per motivi finanziari

I risultati dello studio “suggeriscono” che questi marcatori genetici (alleli) “potrebbero rappresentare un vantaggio riproduttivo, il che potrebbe spiegare la loro persistenza storica e futura conservazione” nell'ambito della selezione naturale, hanno scritto i ricercatori.

Ciò è spiegato dal fatto che lo stesso gene può presentare diverse caratteristiche. “Qui parliamo di tre caratteristiche: numero di figli, propensione al rischio e duplice comportamento: condividono tutti (gli stessi) elementi genetici”, spiega Jianzhi Zhang.

“Dopo anni di lotta contro me stesso…”: esce Conner Russo

Al contrario, i marcatori genetici associati all’omosessualità negli uomini che affermano di non aver mai avuto una relazione omosessuale sono associati ad avere meno figli, suggerendo la possibilità che queste caratteristiche scompaiano gradualmente.

Tuttavia, i dati della Biobanca britannica mostrano una crescita, nel corso di decenni, del numero di persone che si dichiarano bisessuali o gay, senza dubbio a causa della crescente apertura delle società moderne a queste domande.

Pertanto, gli autori stimano che la bisessualità di un individuo sia determinata per il 40% dalla genetica e per il 60% dall'ambiente.

“Vogliamo sottolineare il fatto che i nostri risultati contribuiscono soprattutto a una migliore comprensione della diversità e della ricchezza della sessualità umana”, hanno scritto gli autori. “Non si intende in alcun modo suggerire o sostenere alcuna discriminazione sulla base del sesso.”