Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo abbiamo detto bene: Elon Musk ci considera maiali

Lo abbiamo detto bene: Elon Musk ci considera maiali

Non è divertente, ma l'animale che più ci somiglia dal punto di vista genetico è il maiale. Questo è anche il motivo per cui molti esperimenti scientifici vengono eseguiti sui maiali prima che possano essere riprodotti nell’uomo.

Questo è anche il motivo per cui alcuni interventi chirurgici al cuore umano vengono eseguiti utilizzando tessuto suino ripiantato. E il nostro cervello? Sono simili anche per dimensioni e funzionamento.

A causa di questa somiglianza poco lusinghiera, la scienza ha appena fatto un passo da gigante: impiantare un microchip nel cervello umano, dopo averlo brevemente testato sui maiali. Lo scorso giugno Elon Musk era in Francia. Quando ha rilasciato una breve intervista alla giornalista Anne-Sophie Labex, lei gli ha chiesto se stesse pensando di candidarsi alla presidenza.

Elon Musk ha annunciato che Neuralink ha installato il suo primo impianto cerebrale

Sorpresa: l'uomo più ricco del mondo gli ha detto che non solo non ci stava pensando, ma sentiva che se fosse diventato presidente degli Stati Uniti, avrebbe perso il suo potere e la sua influenza attuali.

Oggi capiamo meglio cosa significa. Al momento di questa intervista, Neuralink – una società fondata da Elon Musk nel 2016 – aveva appena ottenuto il via libera dall’Agenzia statunitense per la regolamentazione dei farmaci (FDA) per impiantare microchip di propria progettazione nel cervello umano dopo alcuni test rapidi. Sui maiali. In effetti, solo un uomo ricco e potente come Elon Musk poteva ottenere tali vantaggi così facilmente. Il primo trapianto di questo tipo è appena stato impiantato in un corpo umano.

Il signor Musk ha fatto l'annuncio sfacciato su X, un social network di sua proprietà. Il paziente numero uno è un quadriplegico, sta bene e presto sarà in grado di scrivere SMS con la mente. Elon Musk difende la sua invenzione sottolineando gli evidenti progressi per le persone con mobilità ridotta. Ma dopo? L’inferno della sopravvivenza su Marte previsto per la razza umana è lastricato solo di buone intenzioni caritatevoli? C'è spazio per i dubbi. Alla fine, il chip in questione verrà utilizzato per connettere il cervello umano ai computer. Presto il cervello dei pazienti sottoposti a trapianto di organi sarà connesso a Internet e quindi a un'infinità di possibilità offerte in particolare dall'intelligenza artificiale che nutrirà la loro memoria, i loro pensieri, la loro anima… Che gioia, questo futuro che siamo portando!

READ  In rotta verso la Cina, il volo Delta fa inversione a causa delle nuove restrizioni sul coronavirus