Luglio 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’imputato torturato è stato ritenuto incapace di sostenere un processo nel processo sugli attacchi dell’11 settembre

L’imputato torturato è stato ritenuto incapace di sostenere un processo nel processo sugli attacchi dell’11 settembre

Giovedì il tribunale militare americano di Guantanamo ha stabilito che uno degli accusati di aver pianificato gli attacchi dell’11 settembre non poteva essere processato a causa degli effetti psicologici associati alle torture a cui è stato sottoposto durante la sua detenzione. Il New York Times (Ora).

Lo yemenita Ramzi bin Al-Shibh (51 anni) sarebbe dovuto comparire insieme ad altri quattro imputati in un processo in cui rischiano la pena di morte. Tuttavia, secondo il giornale, il colonnello Matthew McCall, giudice militare, ha stabilito che i suoi effetti psicologici gli hanno impedito di difendersi.

I medici della base americana di Guantanamo, situata sull’isola di Cuba, hanno diagnosticato a Ramzi bin al-Shibh un disturbo da stress post-traumatico e manifestazioni psicotiche, nonché un disturbo delirante. Gli psichiatri militari hanno detto che le sue condizioni lo hanno reso “Incapacità di comprendere la natura delle misure adottate nei suoi confronti o di cooperare in modo intelligente“Con la sua squadra di difesa legale”, scrive Il New York Times.

Il suo avvocato ha affermato che il suo cliente è stato torturato dalla CIA ed è impazzito a causa di ciò che l’agenzia ha definito “Tecniche di interrogatorio migliorate“, che include privazione del sonno, waterboarding e percosse.

Venerdì avrebbe dovuto partecipare al procedimento preliminare con Khalid Sheikh Mohammed, considerato la mente degli attentati dell’11 settembre, e gli altri tre imputati, tutti detenuti da più di quindici anni a Guantanamo e non ancora stati arrestati. processato da un tribunale militare. responsabile di farlo. L’udienza preliminare è continuata venerdì, ha riferito il New York Times.