Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Manifestazioni “contro la violenza della polizia” in Francia: scoppiano eventi a Parigi e il video suscita eccitazione

Manifestazioni “contro la violenza della polizia” in Francia: scoppiano eventi a Parigi e il video suscita eccitazione

Secondo il Ministero degli Interni, circa 31.300 persone hanno manifestato in tutto il Paese (di cui 9.000 a Parigi), e secondo la CGT e la LFI circa 80.000 (di cui 15.000 a Parigi).

Queste due organizzazioni hanno chiesto alla mobilitazione insieme a decine di organizzazioni, tra cui gruppi dei quartieri popolari, ONG (ATAC, Renew Dernier, Friends of the Earth, ecc.) e partiti come NPA e EELV – ma né il Partito Socialista né il Partito Comunista Francese. – Così come i sindacati FSU e Soliaires.

Incidenti a Parigi e polemiche

Nella capitale, dopo una partenza tranquilla intorno alle 15 dalla stazione Gare du Nord, si è formato un corteo di centinaia di persone mascherate, che hanno danneggiato le vetrine delle filiali bancarie e lanciato pietre contro un’auto della polizia, ha riferito un giornalista dell’Agence France-Presse.

La questura di Parigi ha precisato che l’auto, rimasta bloccata nel traffico in Boulevard de Clichy, è stata attaccata “con una spranga di ferro”.

Poi un agente di polizia è sceso brevemente dall’auto con una pistola in mano per allontanare i manifestanti, secondo diversi video pubblicati sui social media e confermati da una fonte della polizia. Questa scena ha suscitato polemiche.

La prefettura ha aggiunto che “l’intervento BRAV”, dal nome di questa controversa unità di agenti di polizia in moto, “ha permesso di fermare il lavoro e il ricovero” degli agenti di polizia.

“Tra questo equipaggio (della polizia) di quattro persone (…) abbiamo tre persone che fortunatamente hanno riportato ferite lievi”, ha detto a BFMTV il capo della polizia Laurent Nunez, aggiungendo che due di loro hanno subito “shock a causa di lesioni cervicali”. Senza specificare la causa di questi infortuni.

READ  Trump potrebbe essere processato nel gennaio 2024 per le sue azioni dopo le elezioni del 2020

Nunez ha aggiunto: “Stiamo lavorando (…) per cercare di identificare gli autori di questo attacco. Abbiamo già tre persone presumibilmente coinvolte in questi fatti e che sono state arrestate”.

In totale, sei persone sono state arrestate in tutta la Francia, ha detto il Ministero dell’Interno, secondo un rapporto diffuso alle 19:00.

“La ‘manifestazione’ parigina è stata testimone di una violenza inaccettabile contro la polizia. Vediamo dove porta l’odio contro la polizia”, ​​ha detto su X (ex Twitter) il ministro degli Interni Gerald Darmanin.

Manifestazioni “contro la violenza della polizia” a Parigi © AFP o suoi concessori di licenza
Manifestazioni “contro la violenza della polizia” a Parigi © AFP o suoi concessori di licenza
Manifestazioni “contro la violenza della polizia” a Parigi © AFP o suoi concessori di licenza
Manifestazioni “contro la violenza della polizia” a Parigi © AFP o suoi concessori di licenza

All’inizio della manifestazione, molte famiglie si sono riunite in un “coordinamento nazionale contro la violenza della polizia” per chiedere che la verità fosse rivelata a “Othman”, “Al-Hassan” o “Mohamedou”.

«Siamo venuti per combattere per mio fratello», racconta Hawa Cisse, 21 anni, sorella di Mohamedou Cisse, ucciso a colpi di arma da fuoco a Charleville-Mézières (Ardenne) nel dicembre 2022. L’uomo che lo ha ucciso, un ex soldato ottantenne, ha stato rilasciato”. .

La folla riunita ha cantato: “Polizia ovunque, giustizia ovunque”, “Niente giustizia, niente pace” e “Giustizia per Nahil”.

L’uccisione di un adolescente di 17 anni tre mesi fa da parte di un agente di polizia durante un controllo stradale a Nanterre ha scatenato un’ondata di rivolte in tutto il Paese.

I manifestanti, di tutte le età, hanno innalzato striscioni con la scritta “Stop alla violenza di Stato”, “Non dimentichiamo e non perdoniamo” o addirittura “La legge uccide”, con una statua che rappresenta la giustizia con gli occhi sbarrati di rosso, criticando l’articolo 435-1 della legge. L’Homeland Security Act, che amplia la possibilità di sparatorie da parte delle forze dell’ordine se queste si rifiutano di conformarsi.

READ  La guerra in Ucraina: l'esercito belga ha inviato una compagnia di combattimento e 300 persone in Romania

Erano presenti diversi funzionari eletti dalla LFI, come Mathilde Panot.

Il rappresentante ha sottolineato che questa manifestazione “non è certamente ciò che dice il signor Darmanin, cioè una marcia contro la polizia, ma piuttosto una marcia in difesa della repubblica”.

Gérald Darmanin ha inviato venerdì un messaggio di sostegno alla polizia e alla gendarmeria e ha invitato i prefetti a emettere un ordine di divieto, se necessario, e a denunciare i messaggi “contenenti slogan offensivi e vergognosi contro le istituzioni della Repubblica, la polizia e la gendarmeria che potrebbero rientrare” nel campo di applicazione della legge.

“Tristezza e rabbia”

Oggi, sabato, il Ministero dell’Interno ha mobilitato 30.000 poliziotti e gendarmi in tutta la regione, che testimonia la visita di Papa Francesco a Marsiglia e migliaia di visitatori in occasione della Coppa del mondo di rugby.

In altre città, lo slogan degli organizzatori “Contro il razzismo sistematico e la violenza della polizia e per le libertà pubbliche” ha riunito da poche decine a poche centinaia di persone, senza incidenti degni di nota.

Tra Villeurbanne e Lione, 1.700 persone, secondo la prefettura, hanno camminato dietro striscioni e striscioni sui quali si leggeva “Con lutto e rabbia”, “Non toccare i nostri figli”, in un corteo generalmente tranquillo, interrotto solo da una manciata di persone. Dal danno.

“Per le libertà pubbliche”, “Abbasso lo Stato di polizia”, “Mi piace la polizia che protegge e non chi picchia”, si legge sugli striscioni di Saint-Etienne, dove hanno manifestato, secondo il Polizia Stradale.

“Tutte queste ingiustizie distruggono le famiglie”, lamenta Mohamed Laknoun, 27 anni, il cui fratello Amine è stato ucciso nell’agosto 2022 a Tourcoing dopo essersi rifiutato di obbedire. Dopo essere venuto a manifestare a Lille, dove il corteo comprendeva tra le 400 e le 500 persone, ha espresso il suo rammarico di non essere stato informato di alcun progresso nelle indagini da quando è stato incriminato l’ufficiale di polizia responsabile della sparatoria.

READ  Mappe per comprendere i recenti sviluppi delle forze ucraine