Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’ex editore italiano ammette di aver rubato 1.000 manoscritti in un tribunale americano

Il 30enne italiano, ex dipendente della casa editrice americana Simon & Schuster di Londra, ha confessato venerdì davanti alla giustizia federale di New York, grazie a un sistema unico che identifica il furto di oltre mille manoscritti di celebri autori. .

Filippo Bernardini, 30 anni, è stato arrestato all’aeroporto JFK di New York e accusato di frode telematica il 7 gennaio 2022, accusato di aver rubato le identità di diverse persone del mondo dell’editoria.

Qual è lo scopo? Tra l’estate del 2016 e lo scorso gennaio sono pervenute più di mille bozze di romanzi e altre opere letterarie di autori prestigiosi prima della loro pubblicazione.

“Filippo Bernardini ha usato la sua conoscenza dell’industria editoriale per creare un sistema per rubare opere di valore agli autori, minacciando così il mondo dell’editoria”, hanno detto i procuratori federali del procuratore distrettuale di Manhattan Damian Williams in una dichiarazione che annunciava la dichiarazione di colpevolezza dell’imputato.

Il giovane italiano rischia fino a 20 anni di carcere e ha già rimborsato 88.000 dollari nell’ambito della procedura penale, che gli ha risparmiato un processo penale. Sarà condannato il 5 aprile.

Lavorando come “coordinatore dei diritti” presso Simon & Schuster a Londra, ha ammesso di avergli inviato manoscritti inediti per più di cinque anni, a volte da autori famosi o loro rappresentanti, da editori o indirizzi e-mail falsi di letterati. Agenti.

Sig. Bernardini ha creato “più di 160 domini Internet” cambiando a volte una lettera del suo indirizzo di posta elettronica, assumendo identità note ai suoi interlocutori e ingannandoli a dovere.

L’editore Simon & Schuster, che ha licenziato il dipendente un anno fa, ha assicurato in una mail di venerdì che “la protezione della proprietà intellettuale degli autori è della massima importanza” e la polizia federale degli Stati Uniti, “grazie all’FBI e al Dipartimento di giustizia”. .

READ  Georges Presence, l'italiano che si è ignorato?

Il mondo dell’editoria è stato negli anni un fermento di voci di tentate frodi, non sempre riuscite e misteriose, in quanto ai furti non sono seguite richieste di riscatto o pubblicazioni piratate di libri.

Nel 2021, la rivista di New York ha rivelato che gli autori svedesi della serie thriller del 2017 Millennium erano stati contattati da un cosiddetto collega in Italia, chiedendo loro di inviare un collegamento sicuro che dava accesso al manoscritto, poi tradotto. Nel 2019, l’agente letterario dell’autrice canadese Margaret Atwood ha rivelato che anche le prove dei sequel di “The Scarlet Handmaiden” e “The Testaments” erano state prese di mira. Secondo il New York Times, sono stati contattati anche scrittori come Sally Rooney e Ian McEwan.

Il 30enne italiano ha ammesso venerdì davanti alla giustizia federale di New York che Simon & Schuster, una casa editrice americana con sede a Londra, possedeva più di mille manoscritti di autori famosi, grazie a un ingegnoso sistema di furto di identità. .Filippo Bernardini, 30 anni, è stato arrestato all’aeroporto JFK di New York e incriminato il 7 gennaio 2022…