Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Le piccole e medie imprese sono su Internet ma non ancora sviluppate

Le piccole e medie imprese sono su Internet ma non ancora sviluppate

Secondo il recente studio di Afnic del 2023, Success with the Web, le VSE/PMI stanno affermando la loro presenza online ma devono ancora fare progressi con le loro pratiche. Se sono adatti a vari strumenti di presenza online, ci sono ancora miglioramenti da apportare, soprattutto in termini di sensibilizzazione sui problemi di sicurezza e protezione dei dati.

presenza online

Lo studio mostra un progetto per la presenza online di micro, micro e piccole e medie imprese. In questo caso, il 65% degli intervistati dichiara di avere un sito web, che mostra già una reale presenza online anche per strutture molto piccole. Questa percentuale sale all’83% per le PMI e le PMI. Allo stesso tempo, l’82% di loro è attivo sui social network. Inoltre, il 65% delle aziende dichiara di rispondere sistematicamente a commenti e valutazioni su Internet, mentre il 58% fa rinvii naturali ai propri siti. Se sono online si tratta soprattutto di presentare la propria attività per il 66% degli intervistati ma anche di farsi riconoscere facilmente per il 49% o addirittura di comunicare con i propri clienti e prospect (45%). Solo il 34% lo fa per vendere i propri prodotti e servizi online. Tuttavia, solo il 39% ha dichiarato di essere arrivato in cima ai risultati dei motori di ricerca.

Promuovere buone pratiche in materia di sicurezza

Questo studio perAVNEC rivela indicatori sull’integrazione delle procedure di sicurezza e protezione dei dati, che ci dimostra che esiste una certa consapevolezza dei rischi aziendali ma che deve essere rafforzata attraverso un maggiore utilizzo di strumenti e l’adozione di buone pratiche. Solo il 42% di loro esegue regolarmente il backup dei propri dati (pagine, database, ecc.) e il 31% della propria configurazione (sistema, CMS, ecc.). Va notato che il 42% ha implementato soluzioni di sicurezza come firewall o software antivirus (85% tra le PMI) e il 41% ha aggiornamenti regolari di patch di sicurezza (sistema, software, estensioni, ecc.). Gli audit di sicurezza non sono popolari poiché solo il 10% di loro dichiara di condurre audit di sicurezza.

READ  Dai un'occhiata ai 5 laptop più costosi su Amazon in questo momento: LaptopSpirit

Lavora sull’ottimizzazione per i motori di ricerca

Resta fondamentale per le piccole e medie imprese lavorare sulle proprie referenze (o SEO per SEO) al fine di aumentare la visibilità in quanto questo controllo permetterà loro di aumentare la visibilità del proprio sito web sui motori di ricerca, generando traffico. adesione e attrarre nuovi visitatori. Questo lavoro può anche avvantaggiarli consentendo loro di acquisire credibilità o migliorare la loro pertinenza nei loro contenuti. Lavorando sull’ottimizzazione per i motori di ricerca e sulla pertinenza dei contenuti del tuo sito web, risponderai in modo efficace alle richieste degli utenti di Internet. Questo può aiutarti a comprendere meglio il tuo pubblico di destinazione e migliorare l’esperienza dell’utente.

Alcuni feedback sulla sicurezza informatica

Ecco alcune best practice di sicurezza informatica che le aziende possono implementare per proteggere i propri sistemi e dati:

  • Consapevolezza dei dipendenti: le aziende dovrebbero formare ed istruire regolarmente i propri dipendenti sui rischi per la sicurezza IT, inclusi attacchi di phishing, password, accesso remoto e pratiche di sicurezza generali.
  • Aggiornamenti regolari: le aziende dovrebbero mantenere i propri sistemi, software e applicazioni aggiornati con le patch di sicurezza più recenti per evitare vulnerabilità note.
  • Accesso sicuro: le aziende devono garantire che l’accesso ai propri sistemi e dati sia sicuro, utilizzando password complesse e autenticazione a due fattori. L’accesso dei dipendenti dovrebbe essere limitato alle informazioni e agli strumenti di cui hanno bisogno per il loro lavoro.
  • Backup regolari: le aziende dovrebbero eseguire backup regolari dei propri dati per prevenire la perdita di dati in caso di incidente.
  • Uso di software di sicurezza: le aziende dovrebbero utilizzare software di sicurezza come software antivirus, firewall e software di rilevamento delle intrusioni per proteggere i propri sistemi.
  • Gestione dei dispositivi mobili: le aziende devono implementare una politica di gestione dei dispositivi mobili per proteggere i dati aziendali archiviati su smartphone, tablet e altri dispositivi mobili.
  • Controllo dell’accesso fisico: le aziende devono controllare l’accesso fisico ai propri locali e server per impedire a persone non autorizzate di entrare e accedere a sistemi e dati.
READ  La semaine sur JVL: ce qu'il ne fallait pas louper (S11/2022)